Trump è il primo Presidente USA a entrare in Corea del Nord

Donald Trump è diventato il primo presidente degli Stati Uniti a varcare il territorio della Corea del Nord dai tempi della Guerra di Corea negli anni ’50.

L’incontro avvenuto nella giornata di oggi alla frontiera tra la Corea del Sud e quella del Nord ha visto il presidente nordcoreano fare gli onori di casa al Presidente statunitense che solennemente ha varcato la linea di confine con la Corea del Nord in una cerimonia pubblica.

Dopo una serie di foto nord coreane i due leader politici sono rientrati in Crea del Sud dove hanno incontrato il presidente sud coreano Moon Jae In, che, già in buoni rapporti con i colleghi del nord, è stato uno dei fautori di questo incontro. A questo punto i colloqui sono proseguiti in un palazzo nella zona sud coreana. Il tema è stato sicuramente il contemporaneo alleviamento delle sanzioni al Nord accompagnato dall’abbandono dello sviluppo missilistico e militare del paese. Il fatto che John Bolton non sia presente ed il progressivo distacco di Trump dall’ala più guerrafondaia, come si è visto con l’incidente nel golfo di Howmuz, può favorire una conclusione di queste trattative diversa da quanto avvenuto a Singapore. Del resto il gesto simbolico fatto oggi, con il primo presidente USA in suolo Nord Coreano, e da amico, è in grado, speriamo, di portare quella svolta che tutto il mondo necessita.

Chi avrebbe detto nel 2016 che il Presidente degli Stati Uniti Trump sarebbe uscito nell’arco di 3 anni ha riavviato relazioni diplomatiche con un Paese senza dubbio complesso come la Corea del Nord. Sono ben lucide le dichiarazioni di una certa stampa che aveva accusato all’indomani delle elezioni del 4 novembre il presidente statunitense di essere un guerrafondaio. Un guerrafondaio che, stando ai fatti, ha dimostrato di essere il maggiore garante della pace ben più di tanti altri precedenti premi Nobel per la pace che a riguardo hanno fatto ben poco.