EBOLA. LA SITUAZIONE IN SPAGNA E NEL RESTO D’EUROPA

0
22

Le condizioni di Romero Ramirez, l’infermiera spagnola che ha contratto l’Ebola, ieri sono peggiorate e ora rimangono stabili, lo hanno riferito fonti mediche dell’ospedale di Madrid dove la donna è attualmente ricoverata. La donna nel pomeriggio di giovedì ha accusato una insufficienza respiratoria, che ha fatto sì che le autorità madrilene portassero il suo stato a “critico”. Ora le persone ricoverate all’Ospedale Carlos III sono 12 in totale, dopo che una è stata dimessa ieri e altre 7 sono state ricoverate. Teresa Romero si trova in isolamento al sesto piano dell’edificio.
La ministra della Sanità spagnola Ana Mato presiederà oggi il Consejo Interterritorial del Servicio Nacional de Salud de España, durante il quale informerà la comunità di tutte le misure che si stanno prendendo per arrestare il virus.
Secondo le previsioni di un team di ricercatori della Northeastern University guidato da Alessandro Vespignani la probabilità che un viaggiatore che ha contratto l’Ebola raggiunga la Spagna o l’Italia è del 14% circa, mentre per il virus raggiungere il Regno Unito potrebbe essere più semplice, dato che il volume del traffico aereo verso la Gran Bretagna è meggiore: la probabilità è del 50%. C’è inoltre una probabilità del 75% che Ebola raggiunga la Francia entro il 24 ottobre.
In Macedonia si crede che una donna possa essere morta a causa della malattia, ma non è stato ancora accertato quale sia la causa del decesso. Si tratta di un cittadino britannico di 57 anni che era in compagnia di un amico di 72, che è stato ricoverato in un ospedale di Skopje, la capitale del paese, in attesa di capire se i due hanno contratto la malattia.

Fonti: Il Sole 24 Ore; The Independent; El Paìs

Comments

comments