ELEZIONI EUROPEE: I CANDIDATI DI FORZA ITALIA PER IL NORD-EST

0
12

Per le prossime elezioni europee Forza Italia presenta una lista di nomi inedita; dopo il “Caso Berlato”, l’europarlamentare del PdL è infatti approdato alla corte di Giorgia Meloni. Il partito di Silvio Berlusconi candiderà: Elisabetta Gardini, Amalia detta Lia Sartori, Simone Furlan, Massimiliano Barison, Elisabetta Bolzoni, Walter Ferrazza, Fabio Filippi, Paolo Gottarelli, Mattia Sebastiano detto Mattia Malgara, Ilaria Paparella, Francesca Rescigno, Gianpiero Samorì,Sandra Savino, Remo Sernagiotto.

Elisabetta Gardini è una europarlamentare uscente del PdL. Nel 2006, quando era onorevole, saltò agli onori della cronaca a causa di una discussione con Vladimir Luxuria in merito all’uso della toilette. Era avvenuto infatti un incontro in bagno con l’onorevole di Rifondazione Comunista. Luxuria è una trans gender e quindi, sentendosi donna, si era recata nel bagno delle signore. Non dello stesso avviso fu Gardini che commentò l’episodio, tramite le colonne de “Il Giornale”, affermando che:

“Era lontano mille miglia da me l’idea di poter entrare e trovarlo là, nei nostri bagni… Sono entrata, l’ho visto e l’ho vissuta come una violenza, una violenza sessuale, mi sono proprio sentita male, perché devo essere costretta a stare male? La mia è stata una reazione fisica, di pancia. Credevo che la questione fosse stata risolta da tempo e trovare Guadagno (vero nome di Luxuria, ndr) lì mi ha provocato un trauma. E spontaneamente gliel’ho detto.”

Simone Furlan è invece noto per la creazione dell’Esercito di Silvio, tanto che la sua iniziativa è stata una tappa fondamentale per il ritorno di Forza Italia.

Ha 37 anni e vive a Piombino Dese, un piccolo paese in provincia di Padova.  È sposato e svolge la professione di libero professionista, attualmente è presidente di una Holding.

Nel Nord-Est Forza Italia presenterà anche due candidati di area Mir: Gianpiero Samorì e Walter Ferrazza.  Il primo è saltato agli onori della cronaca durante la fine del 2012 per essere stato indicato quale successore di Silvio Berlusconi.  Il secondo candidato proviene, invece, dal Trentino. Il Sindaco di Bocenago, un piccolo comune in Val Rendena, è l’uomo forte su cui il centrodestra trentino farà prossimamente affidamento. Diventato sottosegretario agli affari regionali e autonomie nel governo Letta, il giovane esponente del Mir si è fatto valere in quest’ultimi mesi.

È stato celebre anche il passo indietro fatto lo scorso dicembre quando lasciò il governo: “In conseguenza dell’adesione del Mir, movimento politico a cui appartengo, a Forza Italia – spiega – ho rassegnato le mie dimissioni nelle mani del presidente del consiglio Enrico Letta”.

Forza Italia è data nei sondaggi intorno al 19%; indubbiamente tale dato può aumentare. Molti elettori di centrodestra, una dimostrazione sono i sondaggi effettuati negli anni scorsi, non si esprimono apertamente in merito alle loro intenzioni di voto e ciò può riservare sempre sorprese nel giorno delle elezioni.

La presenza di nuovi volti farà si che ci sarà una particolare competizione tra i vari candidati e sino all’ultimo i giochi saranno aperti.

Michele Soliani

Comments

comments