“Sono fascisti!”: Antifascisti bruciano moschea in Germania

0
1683

La sera del 25 marzo, un gruppo di diversi uomini mascherati e armati di bombe molotov hanno colpito una moschea in Germania del Centro Culturale Islamico Turco. Attraverso la piattaforma del sito Web di Indymedia, i membri di “Antifascismo Internazionale” hanno preso il merito dell’attacco, riferisce il quotidiano  Hessische / Niedersächsische Allgemeine .

In un post sul sito dell’estrema sinistra estremista, gli incendiari hanno preso credito per l’attacco dicendo che l’edificio era stato utilizzato da membri di un gruppo legato al Grande Partito dell’Unità della Turchia, un partito nazionalista di estrema destra con legami con l’ ultra -Nazionalisti Lupi grigi .

Gli estremisti hanno cercato di giustificare le loro azioni scrivendo che i membri della moschea hanno pregato per il successo dell ‘”esercito turco e delle loro bande islamiste e fasciste”, durante le recenti operazioni militari turche nella Siria settentrionale.

“L’azione fa parte della campagna militante in solidarietà con Afrin e la rivoluzione in Rojava”, hanno detto.

Il gruppo ha promesso ulteriori attacchi in Germania dicendo: “Chiunque prega e incita per una guerra in cui i civili vengono deliberatamente uccisi ed espulsi, portiamo la guerra a casa nella loro comunità”.

Il bombardamento è solo l’ultimo di una serie di attacchi da parte di estremisti alle moschee di tutta la Germania. All’inizio di questo mese, quattro richiedenti asilo siriani sono stati arrestati dopo aver attaccato un’altra moschea turca ad Ulm e il governo turco ha incolpato il Partito dei lavoratori terroristi del Kurdistan (PKK) per una serie di altri attacchi.

Antifa e il PKK sono noti per essere alleati nella loro lotta contro il governo turco in Germania dopo aver marciato uno accanto all’altro per protestare contro il conflitto in Africa il mese scorso.