“La grande affermazione degli amici del partito sovranista dei Democratici Svedesi rappresenta una picconata a Bruxelles e a tutta la nomenklatura UE a pochi mesi dalle elezioni europee. Anche la Svezia, con il partito socialdemocratico che registra il peggior risultato dal 1908, premia le forze politiche identitarie che dicono NO all’immigrazione di massa, all’islamizzazione della nostra società e al centralismo antidemocratico di Bruxelles. E’ questa la direzione che seguiremo in vista delle Europee di maggio 2019, allorquando l’onda lunga del cambiamento e del nostro fronte sovranista travolgerà la sinistra e le lobby di potere di Bruxelles”.

Lo dichiara l’europarlamentare Mara Bizzotto, capogruppo della Lega al Parlamento Europeo, che commenta così i risultati delle elezioni in Svezia, dove il partito socialdemocratico ha registrato il peggior risultato dal 1908, in favore dell’avanzate delle destre. Anche l’ultimo baluardo della sinistra, pur non crollando definitivamente, segna dunque un indebolimento significativo nel contesto politico europeo, in cui i movimenti populisti registrano un consenso sempre più importante.

“Al leader dei Democratici Svedesi Jimmie Åkesson – ha continuato la capogruppo della Lega – vanno le nostre più calorose congratulazioni per lo storico risultato, nella convinzione che presto le nostre delegazioni avranno modo di condurre insieme importanti battaglie al Parlamento Europeo” conclude il capogruppo della Lega Mara Bizzotto.