L’Italia è riuscita a portare l’Europa al superamento dell’Accordo di Dublino

0
401

Pur riservandomi un miglior approfondimento sul raggiunto accordo tra l’Italia e gli altri paesi Unione europea sulla gestione degli immigrati economici che arrivano dall’Africa, ritengo che l’accordo, di primo acchito, mi pare francamente una piccola rivoluzione. Non siamo più obbligati ad aprire centri d’accoglienza nel nostro territorio, la responsabilità sarà condivisa e su base volontaria e, infine, le navi ONG dovranno rispettare il diritto internazionale e la legge, e non devono ostacolare il lavoro della guardia costiera libica.

Non so fino a che punto questo accordo reggerà, ma più che l’accordo in sé mi interessano le implicazioni politiche del suo fallimento. E’ evidente che il suo fallimento decreterà la fine di Dublino e anche di Schengen.

Quanto ai detrattori dell’accordo (non è cambiato nulla, Conte si è calato le braghe dopo aver fatto la voce grossa ecc.) non so cosa avrebbero voluto di più. La situazione disastrosa attuale è infatti il frutto velenoso delle loro politiche scellerate, e se finora sono state fatte certe resistenze e si è arrivati a un compromesso non completamente soddisfacente, la responsabilità è di chi ha demolito negli anni la credibilità del nostro paese in sede europea, rendendo il lavoro di Conte quasi titanico e direi – per il risultato raggiunto – rivoluzionario.

Non vengano dunque a darci lezioni, che se ci fossero stati loro oggi, avrebbero solo detto oui, monsieur le President, e ya!, Frau Merkel!