Il Kimchi continua a fomentare razzismo. Si studiano soluzioni

0
52

Sembra scoppiare una nuova polemica in salsa razzista. Ad essere coinvolti non gli europei, ma gli statunitensi e i coreani, che si ritrovano a discutere di un piatto di cucina. L’accusa proviene dall’Huffington Post e il piatto in questione, il Kimchi, è una sorta di peperoncino della Corea del Sud. Ogni famiglia ha la sua ricetta dando al piatto gusti molto diversi in tutto il paese. Alcune famiglie fanno questo piatto cavolo famoso come caldo e piccante come il più caldo peperoncino americano. Altri optano per più di aglio e aceto.

Sembrerebbe tutto normale, ma il problema sorge quando degli occidentali si ritrovano nei dipressi di una cucina dove viene preparata la pietanza. In molti si lamentano, sopratutto coloro che vivono in uno stesso condominio con dei coreani. La situazione è diventata talmente grave che ormai da anni i coreani vengono chiamati con il soprannome di Kimchi, ovvero persone che puzzano d’aglio e di spezie. 

Il problema è che il tutto viene fatto fermentare in tutti i tipi di succhi acidi, dandogli un odore particolarmente forte. Così, gli scienziati presso l’Istituto mondiale di Kimchi, al fine di non incitare il razzismo contro i coreani, hanno annunciato l’intenzione di iniziare alla ricerca di modi per alleggerire l’odore del piatto in modo che potrebbe aiutare gli occidentali.

“Stiamo cercando di globalizzare kimchi,” Ha Jae-ho, capo dell’Istituto, ha detto al post . Definendolo un “alimento funzionale”, Jae-ho sta cercando di portare le delizie del kimchi al mondo.

Il piatto è di solito fatto di cavolo, ma ci sono altre versioni fatte di cetrioli, cipolle, e altre verdure a foglia verde.

 

 

“Stiamo cercando di progettare l’odore di kimchi” ha detto il ricercatore Lee Mi-ae dal suo posto di lavoro. “Ma è difficile perché l’odore è la caratteristica del sapore del kimchi.”

In effetti, i coreani sono molto orgoglioso di loro piatto piccante ed è profondamente radicato nella cultura coreana. Come si concluderà la situazione?