Battuto il Benetton Treviso: il successo 18 – 8

0
31

Treviso, Stadio Monigo – 3 Gennaio 2016 Guinness PRO12 2015/16, Round 11 Benetton Treviso Vs Zebre Rugby 8-18 (p.t. 3-8) 

Marcatori: 5‘ cp Canna (0-3); 14‘ cp Hayward (3-3); 37‘ m Burgess (3-8); s.t. 15‘ cp Padovani (3-11); 35‘ m Smylie (8-11); 37‘ m Toniolatti tr Padovani (8-18);

Benetton Treviso: McLean, Pratichetti A., Bacchin (18’ s.t. Christie), Sgarbi, Iannone, Hayward, Smylie; Zanni (cap) (1’ s.t. Steyn), Minto (25’ s.t. Barbieri), Barbini, Palmer (14’ s.t. Paulo), Fuser (32’ s.t. Lucchese), Harden (38’ Manu), Gega (1‘ s.t. Giazzon), Zanusso (35‘ s.t. De Marchi Al.) All.Casellato

Zebre Rugby: Palazzani, Berryman (31’ s.t. Toniolatti), Beyers (10’ s.t. Pratichetti M.), Garcia, Van Zyl, Canna (2’ s.t. Padovani), Burgess, Van Schalkwyk, Meyer, Sarto J. (31’ s.t. Cook),Biagi (cap), Bortolami (18‘ s.t. Bernabò), Chistolini (35‘ s.t. Roan), D’Apice (24‘ s.t. Fabiani), Lovotti (40‘ s.t. De Marchi An.) All.Guidi

Arbitro: Nigel Owens (Welsh Rugby Union)

Assistenti: Marius Mitrea ed Elia Rizzo (entrambi Federazione Italiana Rugby)

TMO: Carlo Damasco (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Hayward (Benetton Treviso) 1/3, Canna (Zebre Rugby) 1/2, Padovani (Zebre Rugby) 2/2,

Man of the match: Van Schalkwyk (Zebre Rugby)

Note: Cielo sereno e vento. Temperatura 7° .Terreno in buone condizioni. Spettatori 5000

Commento: Prima gara del 2016 per le Zebre Rugby che sono scese in campo allo Stadio Monigo: l’ultimo turno di andata del Guinness PRO12 ha visto andare in scena l’ottavo derby tutto italiano del campionato celtico tra bianconeri e Benetton Treviso. Ad una sola settimana di distanza dalla gara di andata, vinta dal XV del Nord-Ovest allo Stadio Lanfranchi di Parma, le due squadre si sono affrontate nuovamente sotto la direzione dell’esperto fischietto gallese Owens, già arbitro dell’ultima finale dei mondiali inglesi dello scorso 31 Ottobre. Avanti all’intervallo 8-3 grazie alla meta di Burgess, Biagi e compagni sono rimasti sempre avanti nella ripresa in una gara chiusa nel finale dalla meta dell’ex Toniolatti. La prima vittoria delle Zebre a Treviso coincide con la prima vittoria stagionale in trasferta, la seconda nella storia delle Zebre nel Guinness PRO12 dopo il successo di Cardiff del Settembre 2013. I bianconeri continuano la loro serie di successi consecutivi che sale dunque per la prima volta nella storia della franchigia a tre dopo le affermazioni di Parma contro i francesi de La Rochelle ed il Benetton nel mese di Dicembre.

Cronaca: Ad inizio gara Treviso calcia in avanti il primo possesso e attacca ancora al 2° ma arriva il velo di Bacchin. Le Zebre rispondono con la touche in attacco col Benetton sanzionato in ruck sui 25 metri: Canna sblocca il parziale dalla piazzola. La mediana di casa opta per il gioco alla mano e trova un break con Barbini che però non riesce nell’offload nei 22. Pallone liberato al piede e rimessa biancoverde col vantaggio che avanza: bravo Van Schalkwyk a costringere la retroguardia trevigiana all’in avanti. Sull’ingaggio viene sanzionato Lovotti e Hayward va per la touche. La maul dei padroni di casa è fermata ma l’azione prosegue con Bacchin fermato per un doppio movimento una volta placcato. Hayward torna sul vantaggio precedente e centra i pali da posizione centrale per il pareggio. Canna calcia fuori dal campo un calcio dalla base così il Benetton può giocare un’altra rimessa in attacco al 15° ma il calcio biancoverde è stoppato da Van Zyl. Zebre alla mano e aggressive sul punto d’incontro ma perdono però l’ovale con un in avanti di Van Schalkwyk. Altro pericoloso contrattacco veneto ma controlla la difesa bianconera. Si alza il ritmo a Monigo con lunghi multifase da entrambe le parti con diversi errori di controllo dell’ovale. Dopo un lungo scambio di pedate tra McLean e Palazzani ingaggia in anticipo la mischia delle Zebre che si ritrovano a subire la pressione al piede del Benetton: controlla bene l’attivo Van Zyl. Canna viene placcato dopo un chip ma Owens non sanziona il Benetton fischiando invece il fuorigioco seguente della linea delle Zebre. Al 30° Hayward ci prova da 40 metri con vento a favore colpendo il palo destro. Il XV di Guidi attacca alla mano ma Canna non controlla un pallone reso viscido dal campo reso sempre più scivoloso. In mischia questa volta è Harden ad essere sanzionato. Treviso non contesta la touche delle Zebre e Van Schalkwyk buca la difesa di casa involandosi in meta. Owens chiama il TMO Damasco che non convalida la segnatura. Il pack delle Zebre vince però il possesso e serve Burgess che segna la prima meta della giornata: Canna non trasforma cogliendo il palo sinistro con gli ospiti avanti 8-3 al 37°. Cresce ancora la mischia dei bianconeri che costringe Harden al secondo fallo ma la touche non è controllata. Il Benetton ritrova territorio grazie ad un tenuto fischiato a Beyers al 39° ma il lancio di Gega è storto.

Dopo l’intervallo la gara riprende con un calcio di Burgess stoppato da Steyn ma l’ovale è catturato da Lovotti. Avanzano le Zebre alla mano con Palazzani e Garcia che strappano 30 metri ma il Benetton ruba il possesso in ruck. E’ Berryman questa volta a provarci al 45° sull’out destro ma controlla la linea di casa che contrattacca avanzando con un offload di Giazzon sui 22. Il lungo sforzo del Benetton si chiude con Hayward che calcia un vantaggio sull’out opposto perdendo il possesso. Si ritorna sul fallo che viene calciato in rimessa ai 5 metri ma Biagi sporca il lancio avversario. Super lavoro per la difesa bianconera chiamata a contrastare un nuovo attacco trevigiano rubando il possesso e mettendo pressione al Benetton nei propri 22 con un bel calcio di Palazzani. Le Zebre vanno vicino a rubare il lancio dell’ex Giazzon ma vincono l’ingaggio biancoverde sui 22 dando a Padovani il calcio che porta le Zebre oltre il break al 55°. Pasticcia l’attacco di casa che costringe Smylie alla liberazione al piede. Dopo la rimessa di D’Apice buon avanzamento del XV del Nord-Ovest ma arriva il turn-over sulla linea dei 22 col pack dei padroni di casa che riceve un fallo in mischia che riporta i biancoverdi nella metà campo ospite. L’ex Bernabò ruba la rimessa con la pressione portata al piede da Padovani che porta ad una mischia bianconera sui 22. L’ovale esce ed è gestito alla mano da Burgess con la linea del vantaggio che avanza prima che Garcia provi ad innescare al piede Berryman. Christie annulla prima di un altro lungo scambio di pedate tra i due triangoli allargati; difendono bene le Zebre che però si ritrovano nei propri 22 dopo un grubber che mette in difficoltà Burgess. La difesa del XV di Guidi recupera però l’ovale da una situazione pericolosa con Van Zyl che per poco non riesce nell’intercetto. McLean trova il break al 70° con l’offload che trova un compagno che varca la linea di meta ma Padovani è bravo a tenere alto il pallone. Treviso mette alle corde le Zebre con Owens che sanziona un fuorigioco a Biagi e compagni. La touche trevigiana porta ad un altro fallo contro i bianconeri con Biagi bravo a sporcare ancora la rimessa. Grande sforzo offensivo dei padroni di casa che sono ai 5 metri con diversi raccogli e vai: l’azione si riporta sull’out sinistro con Smylie bravo a sfruttare il soperiorità numerica al largo trovando la meta alla bandierina. Hayward non trasforma col punteggio sull’ 8-11 al 35°. Reagiscono subito le Zebre chiudendo la gara con una bella azione alla mano portata da Garcia: l’ovale arriva nella mani di Pratichetti che sul placcaggio serve Toniolatti che segna alla bandierina destra con Damasco che concede la seconda meta bianconera. Padovani trasforma da posizione difficile e porta le Zebre avanti 18-8 a tre minuti dalla fine. Nelle battute finali c’è tempo per un’altra touche delle Zebre in attacco prima del fischio finale di Owens che sancisce la vittoria ed i quattro punti per i bianconeri.

Le dichiarazioni dell’head coach delle Zebre Rugby Gianluca Guidi al termine del match :”Una vittoria di questo gruppo: un gruppo di persone per bene che ha dimostrato attributi. Una squadra che continua a crescere che per prima cosa dopo la vittoria ha voluto telefonare al compagno Manici, operato di recente per un infortunio. Senza alcune defezioni fondamentali oggi questo gruppo ha fatto davvero bene. Le Zebre sono una squadra consistente che cerca sempre di fare il suo gioco puntando sui propri punti di forza: cercando di giocare nel modo migliore possibile, rivaleggiando contro tutti. Oggi abbiamo cercato di contrattaccare col gioco: le due aperture italiane hanno fatto bene. Canna a Parma e Padovani oggi: due patrimoni del rugby italiano che vanno fatti giocare. Queste tre vittorie consecutive ci fanno fare un piccolo bilancio che ci eravamo prefissati di fare dopo la gara di Treviso: ci sono cose positive ma dobbiamo migliorare altri aspetti. Ci mancano alcuni punti in classifica ma ora abbiamo possibilità di giocarci l’accesso ai quarti di finale di coppa. Due gare di EPCR Challenge Cup e la sfida al Munster prima del Sei Nazioni: tre partite dove ci misureremo la febbre e potremo vedere a che punto siamo.”.

Il commento alla partita del capitano delle Zebre Rugby George Biagi :”Oggi è stata dura contro tanti ragazzi che conosciamo, una sfida nella sfida. E’ stato importante venire qui e fare la partita e lasciare Treviso per la prima volta senza punti in un derby contro le Zebre. Siamo contenti di ciò che abbiamo fatto; li abbiamo messi in difficoltà con la nostra difesa come all’andata. Treviso ha cercato di giocare ma non sono riusciti ad avanzare: nel primo tempo abbiamo retto bene anche ai 5 metri. I primi minuti del secondo tempo sono fondamentali anche oggi, una gara dove abbiamo difeso davvero bene. Bello oggi sentire tifosi sostenere anche noi in trasferta: con le vittorie è piacevole veder crescere anche l’entusiasmo dell’ambiente”.

Le Zebre si ritroveranno giovedì 7 Gennaio 2016 alla Cittadella del Rugby di Parma per preparare il quinto turno della coppa europea EPCR Challenge Cup che vedrà il XV del Nord-Ovest in trasferta in Inghilterra a Worcester sabato 16 Gennaio alle ore 15 contro i Warriors. La prevista gara di domenica prossima a Parma contro gli scozzesi Glasgow Warriors è stata rinviata a data da destinarsi in quanto i detentori del Guinness PRO12 il prossimo weekend giocheranno il recupero della gara di EPCR Champions Cup contro il Racing Metro 92 rinviata a metà Novembre scorso a causa degli attentati terroristici di Parigi.

Comments

comments