Urzì contro “Alleanza per la domenica libera dal lavoro”: ecco perché

“Ho richiesto con fermezza ai promotori dell’Alleanza per la domenica libera dal lavoro che hanno rivolto a tutti gli eletti in Consiglio provinciale  la sottoscrizione dell’impegno alla chiusura festiva dei negozi. Ho preteso che un simile impegno sia accompagnato da un analogo atto d’onore del singolo Consigliere provinciale a non frequentare la domenica in alcun modo ogni tipo di esercizio commerciale (negozi, cinema, piscine e lidi, musei, ristoranti e pasticcerie, etc “).

Con queste parole il Consigliere di L’Alto Adige nel Cuore – Fratelli d’Italia Alessandro Urzì ha voluto commentare la proposta, pervenuta al Consiglio provinciale, di sottoscrizione dell’impegno alla chiusura domenicale dei negozi.

Proseguendo nel suo intervento il Consigliere Urzì ha rincarato la dose aggiungendo: “se si crede nella battaglia per la domenica libera dal lavoro non basta aderirvi in maniera snobistica, ma bisogna praticarla con coerenza e lealtà. Ci prendiamo l’impegno sin d’ora a dare la massima informazione pubblica su tutti i consiglieri provinciali che dopo aver firmato un impegno in quella direzione, lo ignorassero approfittando del lavoro domenicale delle diverse categorie impegnate nei centri commerciali nella ristorazione e nel tempo libero. Se si predica bene, si deve anche razzolare bene”.

Dopo aver esplicitato di avere grande rispetto, pur senza condividerla, per questa campagna, Urzì ha ricordato come non la consideri compatibile con l’evoluzione della società e del mondo del lavoro moderno. Allo stesso tempo il Consigliere ha condannato ulteriormente l’iniziativa di Alleanza per la domenica libera dal lavoro, asserendo come sia stata oltremodo politicizzata.

“Questa posizione mortifica l’intento etico della campagna riducendola a una offensiva spinta nelle differenziazione dell’Alto Adige dal resto del territorio nazionale. Ritengo che il lavoro sia sacro e che, se festivo, debba essere adeguatamente retribuito e tutelato con opportune turnazioni. Mi assumo sin d’ora l’onere di osservare con il massimo scrupolo e la massima pubblicità l’astensione  da parte dei Consiglieri provinciali che firmeranno l’appello dell’Alleanza per la domenica libera dal lavoro dal frequentare tutti i locali per cui chiedono de facto la chiusura festiva obbligando per legge gli altoatesini a fare shopping a Verona. Non saranno accettate giustificazioni di nessun tipo in caso di avvistamenti la domenica in ristoranti, centri commerciali o rilassanti saune. Se si crede in quello che si sostiene lo si deve fare” ha infine concluso il Consigliere provinciale dell’Alto Adige nel cuore – Fratelli d’Italia Alessandro Urzì.

Giulio Sindaco
Informazioni su Giulio Sindaco 5 Articoli
Studente triennale presso l'università Cattolica di Milano, appassionato di politica europea e attualità, si trasferirà a breve a Roma per continuare gli studi in specialistica.