La nuova Yamaha YZF R3 debutta al Mugello: il top!

0
26

Lo step intermedio per chi, nelle competizioni su strada, passa dalla 125cc alle cilindrate superiori oggi si chiama R3. La nuova “superportiva di mezzo” giapponese, presentata solo un anno fa ad Eicma, rappresenta infatti il naturale passaggio per i piloti più giovani che, una volta dimostrato il proprio valore in pista con l’ottavo di litro, vogliono continuare a maturare per gradi, prima di affrontare le sfide in sella alle 600cc e 1000cc.

In Yamaha questa crescita graduale è stata possibile grazie all’arrivo sul mercato della bicilindrica YZF-R3, ma soprattutto alla preziosa attività svolta dal Progetto Giovani, iniziativa in collaborazione tra la stessa casa nipponica e AG Motorsport Italia, realtà che da alcune stagioni organizza la R125 Cup e segue da vicino lo sviluppo dei giovani in pista.

Nel fine settimana passato la nuova R3 – 321cc, 42cv per 169kg in ordine di marcia – ha fatto il suo atteso esordio nell’ultima gara stagionale della Sport Production del CIV – Campionato Italiano Velocità, dimostrando da subito la diretta discendenza dalle potenti Yamaha R6 e R1 e lasciando per la prima volta il segno sull’impegnativo tracciato delMugello. Guidata dal talentuoso spagnolo Pedro Javier Castano Illan, già protagonista con due vittorie a Franciacorta nella R125 Cup 2014, ed in versione praticamente Stock, ha tagliato il traguardo in seconda posizione a soli 4 millesimi dalla prima classificata che ha corso in conformazione molto più “libera” come tutte le altre avversarie in gara.

Nella classica colorazione Blue Race la 300cc giapponese si è infatti presentata sul tracciato toscano con forcella e motore originali e cerchi di serie. Gli unici ma necessari allestimenti da competizione sono stati i semi manubri, le carene in vetroresina, le pedane rialzate, il filtro aria racing, lo scarico completo, il modulo aggiuntivo, il monoammortizzatore e le gomme racing.

Pedro Javier Castano Illan già dalle prove libere è riuscito a trovare un ottimo feeling con il mezzo, segnando il miglior giro con il crono di 2’11”890 e ottenendo nelle qualifiche ufficiali il settimo posto, a causa anche della pioggia incessante che ha costretto i piloti ad utilizzare le gomme rain. Partito dalla terza fila, lo spagnolo ha messo però in mostra tutta la propria grinta, portandosi subito tra le prime posizioni e iniziando un duello all’ultimo respiro con le due Kawasaki di testa. Le caratteristiche davvero straordinarie della R3, seppur in configurazione vicinissima alla serie, e la guida perfetta di Pedro – in particolare nei punti più “guidati” del Mugello – hanno permesso la firma del giro veloce con il tempo di 2’12”256. L’arrivo è stato al cardiopalma, con la 300cc di Iwata affiancata ad una delle due Kawasaki fino al traguardo e battuta solo al fotofinish!

L’inizio della prossima stagione si avvicina e il grande risultato ottenuto al Mugello anticipa cosi l’arrivo ufficiale del trofeo R3 Cup nella classe Sport Production del CIV 2016. Tra un mese ad Eicma verranno svelati tutti i dettagli della nuova sfida in collaborazione tra Yamaha Motor Europe N.V. e AG Motorsport Italia che avrà una formula molto simile alla R125 Cup includendo nel kit di partecipazione sia il materiale tecnico che l’iscrizione al CIV stesso: sarà così possibile ambire sia alla classifica generale del campionato nazionale che allaR3 Cup che avrà un montepremi dedicato.

Comments

comments