Ballarò è il classico programma di Sinistra

0
91

Il conduttore di Ballarò, Massimo Giannini, nella puntata che sta andando in onda esattamente mentre si sta scrivendo questo articolo, ha sentenziato, dopo la messa in onda di un video della reazione di alcuni di noi – alcuni di noi, perché anch’io, in prima persona mi trovavo esattamente lì, domenica mattina, a Bologna – alla provocazione portata avanti da un gruppetto dei centri sociali alla manifestazione dei partiti dell’opposizione: <E’ orribile la Sinistra dei centri sociali, ma è ancor più orribile questa Destra…> Orribile, la Destra, il popolo leghista, i forzisti presenti in piazza Maggiore domenica? E perché mai? Perché – come appunto si vedeva nel video – hanno reagito con qualche insulto agli insulti e alle provocazioni di una pattuglia a cui, guarda caso, la Questura aveva dato la possibilità, addirittura, di entrare nell’alveo stesso in cui si svolgeva la manifestazione. Ciò non ostante, il <popolo ancor più orribile> del Centrodestra e della Lega non li ha coperti di sputi o addirittura massacrati di botte – come sarebbe potuto succedere, se fosse scoppiata la rissa tra una ventina di imbecilli e 50 o 100 mila manifestanti -, bensì, dopo aver richiamato l’attenzione delle forze dell’ordine, ha semplicemente preteso che fossero spostati almeno una cinquantina di metri fuori dalla piazza. Massimo Giannini ha ragione: nello spostamento – che è costata fatica agli agenti – le frange terminali (in senso spaziale: quelli che si trovavano a ridosso del portico del Pavaglione, quello che chiude la piazza a est) hanno accompagnato l’iniziativa degli agenti con lazzi, insulti verso chi aveva tentato di disturbare il comizio di Matteo Salvini. Massimo Giannini ha ragione: non ci s’ è distinti per eleganza, mi quei momenti. Però, Massimo Giannini parla da perfetto idiota quando paragona – anzi, definisce <ancor più orribile>, la reazione a parole di chi si vede insultato da gente che non si sarebbe dovuta trovare dove si trovava – con la violenza cieca e il vero e proprio terrorismo (sono stati sabotati dei binari ferroviari, con la possibilità di creare disastri incalcolabili anche alla vita delle persone) dei centri sociali e dei militanti della Sinistra (perché non c’erano solo i centri sociali, tra i contestatori che hanno devastato una parte della città). Un’idiozia che non incanta più i cittadini italiani, grazie a Dio, i quali hanno ben imparato a diffidare delle lingue biforcute e use a lavorare lo sterco di quanti, dalla televisione e dai giornali, ora che diventa sempre più pressante la paura di perdere il potere, concedono ai propri il ricorso a ogni genere di violenza o crimine, mentre all’avversario rimproverano anche la mancanza di bon-ton. Persone che possono anche vantare percorsi professionali di assoluto prestigio, ma che ben dimostrano come si guadagno le laute paghe di cui sono destinatari: con l’ignobile diffamazione degli avversari dei loro protettori politici.

Massimiliano Mazzanti

Comments

comments