La democrazia ha un costo

0
38

La trovata di Renzi di abolire i consigli di amministrazione delle partecipate dello stato e sostituirli con un amministratore unico “per risparmiare” è perfettamente in linea col disegno di ridurre la democrazia ai minimi termini buttando fumo negli occhi della gente per dare tutto il potere alla finanza internazionale.
La scusa è sempre la stessa: tagliare i costi della politica. E la gente ci casca.
Uno studio di qualche anno fa (pubblicato in precedente lettera politica) dimostrava che quand’anche per assurdo venissero chiuse tutte le istituzioni, dalla Presidenza della Repubblica al più piccolo comune, il risparmio sarebbe talmente modesto da non cambiare nulla! Questo chiudendo tutto. Figuriamoci abolendo qualche cda!
Ma alla gente hanno dato a bere che siamo più poveri per colpa della politica. Non della globalizzazione o della speculazione finanziaria.
Ecco allora che viene ridotto il numero dei parlamentari, dei consiglieri regionali e comunali e che viene abolito il Senato. Ora è il turno delle partecipate statali. Poi toccherà a quelle regionali e comunali. Al posto dei cda, un Amministratore unico, nominato dall’alto. Per risparmiare, naturalmente.
Lo stesso è stato fatto, con la scusa dell’efficienza, per le aziende sanitarie. Peccato però che troppe volte le scelte del manager calato dall’alto ed estraneo al territorio poco hanno a che fare con gli interessi della gente.
Il senso dei cda nelle aziende pubbliche è quello di rappresentare gli interessi territoriali, così come nel privato di rappresentare i soci. Ovviamente sempre col presupposto dell’onestà. Che però vale anche per il manager.
Seguendo questa logica fra un po’ ci verranno a dire che sì, il popolo è sovrano, come dice la Costituzione, ma che proprio nel suo interesse e per risparmiare è meglio che comandi uno solo. Magari un banchiere, che di soldi se ne intende.
Questi scopritori dell’acqua calda alla ricerca di consenso a buon mercato devono sapere che la democrazia ha un costo. Sicuramente inferiore a quello del denaro stampato da una banca privata come la Bce. Fare finta di non saperlo per fare propaganda è fin troppo facile. Ma a Renzi, eletto da nessuno alla faccia del popolo sovrano, che cosa vuoi che gliene importi! E’ stato messo lì per questo.

Comments

comments