SIATE I MIGLIORI, QUALSIASI COSA FACCIATE

“Non limitatevi soltanto a ricordarvi della vostra patria, ovunque andiate e qualsiasi cosa facciate, siate i migliori”. L’appello, rivolto dal palco del teatro di Acqui dove stava ricevendo il premio dell’Acqui Storia per la sezione dei romanzi, è stato rivolto dal vincitore armeno ai suoi connazionali della diaspora. Ma potrebbe, e dovrebbe, essere rivolto a tutti coloro che si sentono stranieri in patria, esuli nella propria terra, emarginati ingiustamente. Siate i migliori. Sia che spazziate le strade sia che siate impegnati a salvare una vita con un’operazione di alta chirurgia. Siate i migliori quando insegnate e quando avvitate un bullone, quando risolvete un’equazione o quando correte su una pista d’atletica, quando cantate o quando dipingete. “Non basta essere bravi, occorre essere i migliori”, avvertiva Mussolini poco meno di 100 anni or sono. Ma i nostalgici di oggi devono essersela dimenticata, quella frase. Meglio la retorica dell’aratro e della spada, della pecora e del leone. La retorica non è mai il modo corretto per essere i migliori. Ed i risultati si vedono. Il povero Carlo Sburlati, deus ex machina del Premio Acqui, fatica ogni anno di più per individuare – al di fuori dei premi letterari dove la scelta è legata alla qualità dei testi – candidati idonei ad essere individuati come “testimoni del tempo” e che non siano espressione dei soliti carrozzoni politicamente corretti. Quest’anno c’è stato spazio per Berruti, per Cristicchi. Ma poi? Un’Italia in crisi spirituale, etica, morale, oltre che economica, quali personaggi può proporre? Le renzine? Barbara D’Urso zerbinata di fronte al burattino nullista? Sportivi dopati? Scrittori della Holden di Baricco, Farinetti & C? Dove sono i migliori? Dove sono quelli almeno decenti? E dove sono gli amministratori locali che, in teoria, dovrebbero rappresentare un’alternativa al burattino? Perché un solo Comune in Italia riesce ad organizzare una manifestazione culturale non allineata e che ha conquistato prestigio internazionale? Cosa fanno i sindaci, i presidenti delle Regioni del resto d’Italia? Tranquilli: tra due anni la maggioranza cambierà anche ad Acqui e la nuova politica verrà allineata al nulla del burattino. Bene per lui e, soprattutto, per tutti gli amministratori del centrodestra o di una sedicente destra, nonché della Lega: non ci sarà più un fastidioso confronto con chi riesce a fare mentre gli altri restano a guardare.

Augusto Grandi
Informazioni su Augusto Grandi 344 Articoli
Dopo alcune esperienze in radio e testate locali, nel 1987 è diventato redattore del quotidiano economico Il Sole 24 ORE, come corrispondente per Torino, Piemonte e Valle d'Aosta. Oltre all'ambito giornalistico si occupa di romanzi di narrativi e saggistica. Nel 1997 ha vinto il "premio giornalistico Saint-Vincent" e nel 2011 è membro della giuria del "Premio Acqui Storia" nella sezione divulgativa. Dal 2011 è senior fellow del Centro studi Nodo di Gordio con cui collabora attivamente nella stesura di diversi articoli a sfondo geopolitico. Dal 2011 sono itineranti in Italia le sue mostre fotografiche sullo sfruttamento del lavoro nel mondo e sulla condizione del lavoro femminile, realizzate nell'ambito del Festival Nazionale della Sicurezza promosso dall'associazione Elmo e dal comune di Pergine Valsugana (Trento), col patrocinio dell'OSCE. Nel 2017 ha lasciato il Sole 24 Ore e conduce la trasmissione "Il Tafano" su Electoradio e su Radio Antenna 1. Editorialista sul mensile Espansione, collabora con la testata online "ongood".

Commenta per primo

Lascia un commento