La Crimea è’ definitivamente Russia. Nei colloqui tra Putin, Merkel e Hollande il problema della penisola non è neppure stato affrontato. Non se ne parlerà più, ne’ ora ne’ mai. Si discuterà del futuro della Nuova Russia, i territori in cui si combatte e che vorrebbero l’indipendenza da Kiev, ma la Crimea resta fuori da ogni negoziato. Non poco, come risultato per Mosca, anche se ovviamente i media italiani fingono di non accorgersene. D’altronde l’Italia ha brillato, anche in questa occasione, per la propria marginalità. Merkel e Hollande, Hollande e Merkel. L’Italia non c’era, sia come governo sia attraverso la Mogherini, inviata a Bruxelles per rimarcare la propria inconsistenza e l’assoluta inutilità di Lady Pesc. L’Europa non ha una politica estera, la politica estera la fanno soltanto gli Stati che non sono irrilevanti. E non si tratta di un problema economico, visto che la Francia economica e’ solo un bluff. Eppure l’inconsistente Hollande riesce ad essere molto più determinante del burattino portasfiga che parla e parla, ma nessuno lo invita quando si fa sul serio. Non basta il muso imbronciato della Boschi o lo sguardo assente della Madia per trasformare l’Italia delle renzine in un Paese con un ruolo determinante. Abbiamo gli stessi abitanti della Francia ma non contiamo nulla. E non è colpa del ministro degli Esteri, perché gli uomini passano e la nullità politica dell’Italia resta. Paghiamo l’Europa e, in cambio, riceviamo lezioni, rimbrotti ed obblighi. Ma un invito a far parte delle squadre di decisori, quello mai. Austerità e compiti a casa, poi quando il gioco si fa serio, il portasfiga viene lasciato in Italia. Ragazzino, lasciaci lavorare. E se Merkel e Hollande dovessero riuscire a trovare una soluzione diplomatica nella vicenda ucraina, potrebbero rinsaldare l’asse Parigi-Berlino, trascurando la drammatica situazione economica francese e ricreando quel direttorio europeo che pareva tramontato vista l’incapacità di Hollande. Che, tra l’altro, verrebbe rafforzato anche all’interno dell’Esagono. Mentre il burattino portasfiga potrà continuare a trastullarsi con Berlu, tra liti più o meno finte e riappacificazioni da partita di calcio all’oratorio. Perché i giochi veri, quelli importanti, li fanno gli altri.

Augusto Grandi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.