In Trentino arriva il treno di Renzi (con non poche polemiche)

L’ex Premier farà tappa a Rovereto, dove verrà accolto da alcuni esponenti politici locali (tra cui pare gli Assessore provinciali Ferrari e Olivi) e a Mezzocorona per ripartire poi verso Bolzano

0
9

Il Segretario del Partito Democratico Matteo Renzi giungerà oggi in Trentino a bordo del treno utilizzato per il suo tour. Eppure, prima ancora del suo arrivo, le polemiche non sono tardate ad arrivare.

“Dalle informazioni in nostro possesso – afferma in una nota il Consigliere della Lega Nord Trentino, Maurizio Fugattil’ex Premier farà tappa a Rovereto, dove verrà accolto da alcuni esponenti politici locali (tra cui pare gli Assessore provinciali Ferrari e Olivi) e a Mezzocorona per ripartire poi verso Bolzano”. 

L’evento, – rincara il consigliere leghista – di natura prettamente politica, sembra essere stato sponsorizzato anche da chi non dovrebbe utilizzare per fini elettoralistici la sua posizione, considerata la sua natura bipartisan e la rappresentatività di un territorio”. “Stiamo parlando della e-mail (non firmata) che il Consorzio turistico Piana Rotaliana-Königsberg avrebbe inviato negli scorsi giorni a diverse persone con la quale si invitano le stesse a presenziare al bicigrill Bike Break di Faedo alle ore 15.00 in occasione dell’arrivo di Renzi con l’Assessore Zeni. Un’occasione, come riportato nel testo della mail ‘di visibilità per il territorio e forse anche un’opportunità di confronto diretto con un politico di primissimo piano’“. 

La denuncia al leader leghista è arrivata da alcuni destinatari della e-mail che a quanto pare hanno sollevato perplessità in merito alla scelta, dato che l’invito pare di tutt’altra natura.

“Alcuni destinatari della e-mail – prosegue ancora Fugatti – hanno sollevato perplessità in merito alla scelta, dato che l’invito pare di tutt’altra natura. Inoltre la domanda che sorge spontanea è se identico comportamento si sarebbe tenuto all’arrivo di un esponente politico nazionale di altra parte politica. Non si vorrebbe che qualcuno utilizzasse la propria posizione e i mezzi a sua disposizione per fini elettoralistici e politici seppur la sua natura e la sua mission siano di altro tenore”.

Comments

comments