Castaldini (CPI): “Via i migranti da S. Lorenzo Dorsino. Una vittoria per i trentini”

Sembrano contate le ore per i profughi ospitati a San Lorenzo Dorsino, sempre più prossimi allo spostamento. Soddisfatto Filippo Castaldini, responsabile provinciale di CasaPound Italia.

Tutti i profughi ospitati lasceranno San Lorenzo, ad eccezione di uno che rimane ospitato da un residente e che venne arrestato mesi fa nel corso di un’operazione contro lo spaccio che vedeva impiegati profughi di altre strutture sparse per il Nord-Est” dichiara il partito di estrema destra in un comunicato.

Fin da subito siamo stati al fianco dei cittadini contrari all’ennesima imposizione da parte dell’ex Giunta di centrosinistra in fatto di accoglienza – dichiara invece Castaldini – intervenendo con forza, per mesi, con azioni e nelle assemblee pubbliche per ribadire che quest’accoglienza era semplicemente un business in cui gli unici a perdere erano i trentini“.

Abbiamo dimostrato ancora una volta che rimboccarsi le maniche e metterci la faccia porta a soluzioni, anche quando le istituzioni fanno muro disinteressandosi dell’opinione dei cittadini. Questo ci rincuora” aggiunge l’esponente di CasaPound.

Ora attendiamo la conferma definitiva della nuova Giunta e monitoreremo affinché chi non ha titolo per stare qui venga allontanato dal Trentino e non venga semplicemente spostato da un’altra parte, come avvenuto per gli ospiti del campo di Marco ora distribuiti nelle altre strutture e in particolare nella residenza Fersina a Trento” conclude Castaldini.