Elezioni politiche: Urzì: “Necessario un candidato che riscaldi gli animi”

Chi sarà il candidato per il Centrodestra per il collegio di Bolzano e della Bassa Atesina? Probabilmente Urzì o un esponente di qualche lista civica. In merito al primo una sua candidatura non è un’ipotesi remota anche se il diretto interessato preferisce che le forze politiche locali puntino a un candidato che “sia il più coinvolgente possibile e che sappia emozionare”. E’ questa la partita che si giocherà per quanto riguarda la circoscrizione della Bassa Atesina dove vi è la forte incognita dell’alleanza Partito Democratico – SVP. 

Lo scopo, come affermato dal Consigliere regionale, è quello di “riscaldare gli animi” con un candidato che non necessariamente deve essere legato ad un partito e che semmai possa provenire dal mondo civico o delle liste civiche. La lotta nelle prossime settimane, in vista delle elezioni del 4 marzo, sarà all’ultimo voto in virtù del fatto che i sondaggi danno quasi alla pari le due coalizioni.

Andrea de Bertoldi, intanto, è stato proposto da Urzì come candidato di punta all’interno di Fratelli d’Italia del Trentino, e vi potrebbe esserci il sostegno di tutta la coalizione, con la quale, dice, “abbiamo ottimi rapporti”. 

Il vero problema che riguarderà le elezioni politiche, sopratutto per quanto riguarda il collegio di Bolzano e della Bassa Atesina, è il riuscire a trovare una figura effettivamente rappresentativa di un mondo politico. Certamente esponenti quali Christian Bianchi possono essere portatori di voti, ma altresì vero è che personalità come Alessandro Urzì non sono da tenere in secondo piano date anche le caratteristiche del personaggio politico che nel corso delle ultime due elezioni comunali nel capoluogo atesino si è fatto valore, sfiorando addirittura la vittoria contro ogni previsione e aspettativa.

 

 

 

 

Avatar
Informazioni su Giuseppe Papalia 172 Articoli
Iscritto all'Ordine dei Giornalisti dell'Emilia Romagna dal gennaio 2018, è caporedattore della testata giornalistica Secolo Trentino dove si occupa di politica e società. Ha svolto un periodo di stage presso il quotidiano "L'Arena" di Verona all'interno della redazione sport e cultura e collaborato con alcune testate locali. E' laureato in comunicazione con una tesi in sociologia della comunicazione, dal titolo: "la comunicazione nell'era dello storytelling management: la narratologia nei media come strumento di controllo di massa". E' Dottore magistrale in Editoria e Giornalismo, con curriculum in Relazioni Pubbliche e gestione dell'immagine e ha svolto una tesi in storia delle dottrine politiche con il politologo e professore Leonida Tedoldi, dal titolo: “comunicazione, politica e società nell’attività intellettuale di Pier Paolo Pasolini”. Dal 19 agosto al 19 novembre sarà impegnato in uno stage al Parlamento Europeo a Bruxelles come corrispondente giornalistico dalla capitale europea, dove si occuperà di produzione news, lanci d'agenzia, articoli, post Internet su argomenti di attualità e produzione ed editing di materiale audiovisivo come interviste, servizi e video vari. Oltre alla copertura di conferenze ed eventi vari organizzati dalle istituzioni europee.