Civica Trentina con Rodolfo Borga e Claudio Civettini e il gruppo di candidati al seguito, presso l’Hotel America (El Merican) hanno presentato oggi alle 10.30 l’opzione definitiva per il sostegno alla Presidenza del Consiglio Provinciale: Maurizio Fugatti.

Civica Trentina bandisce le polemiche che hanno nei giorni scorsi imperversato fuori dal partito. Si tratta di voci che non hanno riscontro, ma che si collegano alla legittima consultazione in merito alle persone da incaricare per il mandato venturo. “Si è trattato di una operazione ascolto approfondita, che ha consultato l’area territoriale.” “Fugatti è stato quindi scelto senza alcun veto personale, naturalmente arrivando a una scelta che rispetta anche la nostra identità” ha detto Rodolfo Borga: “Ieri è stato fatto un incontro per scegliere il candidato presidente, cercando di non buttare nelle ortiche un’alleanza che può portare a vincere le elezioni, è stata scelta l’alleanza. Il CentroDestra Popolare Autonomista ci accoglie con le nostre identità, valorizzando al meglio la dimensione territoriale di questa alleanza.”

Civica Trentina

In merito alle recenti ipotesi: “Non c’è mai stato alcun veto di carattere personale nei confronti di chicchessia, ma per come si sono sviluppate le cose l’accordo del Centro Destra è stata una logica conseguenza del percorso fatto.” Quindi un no al PATT riconosciuto come forza di CentroSinistra!

ll gruppo di Civica Trentina su Trento era stato già presentato in precedenza: Francesco Agnoli, Giuseppina Coali, Carmelo Furina, Luca Groff, Samuela Caliari e Silvia Zanetti. Con la partecipazione anche di amministratori dell’area Valsugana, come Fabio Dalledonne.

Nomi come Carlo Daldoss o addirittura Ugo Rossi col CentroDestra no, il passaggio è stato già valutato ai vertici, non si tratta di scelte di oggi, ma di un percorso in cui il CentroDestra era all’opposizione. “Certi strappi a ridosso delle elezioni la gente non li dimenticherà” ha detto Claudio Civettini “il lato civico apre alla partecipazione, di un CentroDestra che guarda ai suoi territori.” Hanno detto gli amministratori di Civica Trentina.

“La nostra è una lista qualificata in cui vi sono persone impegnate nel sociale ma anche amministratori che hanno già fatto il loro percorso, Sindaci, ad esempio, quindi siamo anche il movimento e il partito degli amministratori. Ci sono delle persone che mettono a disposizione le loro capacità amministrative” ha spiegato bene Civettini. Un soggetto di confronto dove non ci sono solo le idee, ma anche la massima trasparenza e con la condivisione della coalizione, senza pasticci, questa nuova alleanza, in cui emerge la partecipazione attiva di chi ha messo a disposizione le proprie capacità, che sono oggi importanti per riprendere in mano dalla precedente amministrazione, ha detto Claudio Civettini, personalità che sono state indicate secondo capacità di ascoltare i territori.

Come sono emersi gli amministratori scelti da Civica Trentina? “Siamo arrivati a completare le liste dei candidati partendo dalla conoscenza personale e dal fatto che molti amministratori di Civica Trentina hanno sicuramente una esperienza nelle fusioni, nelle comunità di valle, attività di amministrazione che è stata apprezzata – ha detto Lorenzo Borga – oltre che l’attività in 5 anni di Consiglio Provinciale.

“Chiaramente non ci sono possibilità di fare alleanze con la galassia di identità che si collocano a sinistra del Partito Democratico, un evidente tentativo di raggruppare il centrosinistra sotto le spoglie di un certo civismo, anche Civica trentina è stata chiamata per fare sostegno a Daldoss ma è difficile essere portavoce del cambiamento sostenendo chi ha amministrato nella precedente legislatura.” Hanno chiosato gli esponenti di Civica Trentina (MC).