Degasperi rivendica l’operato del M5S: “Se il Tfr arriverà ai dipendenti dell’Apss non sarà grazie alla Fp Cgil, nè al PD”

“Leggo esterrefatto lo scritto della Fp Cgil che si appropria senza tanti complimenti del merito dell’iniziativa volta a eliminare la discriminazione di cui soffrono da anni i dipendenti dell’Apss nelle modalità di erogazione del loro Tfr”. A renderlo noto è il consigliere del Movimento 5 Stelle, Filippo Degasperi, tra le altre cose neo candidato – con il maggior numero di preferenze – a Presidente in Trentino, che commenta così l’ “appropriazione indebita” da parte della Cgil, del lavoro del gruppo consiliare dei 5 Stelle che da tempo lavora su questo caso.

“La cgil – ha aggiunto infatti il consigliere – non si limita però a far proprio il lavoro altrui; già che c’è riporta con grande enfasi l’azione del PD e classifica come “aggiuntivo” l’ordine del giorno del M5s“. Dopo 5 anni in Consiglio provinciale, ha commentato Degasperi, “non ci stupiamo per così poco ma, tanto per riportare la questione sul binario corretto, se il Tfr arriverà subito ai dipendenti dell’Apss non sarà grazie alla Fp Cgil” che – ricorda, “non ha avuto alcun ruolo nella preparazione e nella presentazione del nostro ordine del giorno“.

“L’ordine del giorno definito ‘aggiuntivo’, tanto per intenderci, precede di ben 53 protocolli quello da loro sbandierato”. “Potrebbe venire il dubbio che, letta la nostra proposta qualcuno sia corso ai ripari. In ogni caso, se qualcuno si è ‘aggiunto’, – ha concluso Degasperi – peraltro senza alcun merito, è chi ha scritto il comunicato”, riferendosi allo scritto della Fp Cgil.