Giuliana: “Multiculturalismo causa dell’incendio di Lasino”

Giuliana lasino

Apprendo oggi che il responsabile dell’incendio all’edificio destinato come alloggio dei profughi presso Lasino è figlio dell’ex consigliere comunale di colore Mamadou Seck” ha riferito quest’oggi Emilio Giuliana di Progetto Nazionale Trentino.

E non risparmia critiche a chi, nei giorni scorsi, aveva sostenuto che fosse un atto razzista all’origine dell’incendio di Lasino: “Ora che è stato individuato come responsabile del fatto il figlio di un africano, si parla di fragilità caratteriale, prima di parlava di razzismo. Davanti a fatti come questo di Lasino possiamo capire che la società multietnica è estremamente dannosa. Quanto potrà andare avanti una società i cui componenti non trovano le proprie radici identitarie e culturali?“.

Da due decenni avverto, a questo punto posso dire con lungimiranza, riguardo ai corto circuiti che la società multietnica avrebbe innescato” continua Giuliana. “Oggi con eccessivo ritardo, coloro che sono stati complici di questa catastrofe sociale si allarmano. Ma non lo fanno per un cambio di rotta quanto piuttosto per meschino interesse elettorale: si allineano al sentire e alle preoccupazioni della popolazione, contraria e terrorizzata all’americanizzazione della nostra patria“.

In chiusura, Giuliana cita anche Dante: “Settecento anni fa nella sua grande opera letteraia, la Divina Commedia, scrisse una terzina a proposito del multiculturalismo: La mescolanza delle genti è causa dei mali della città (Paradiso, Canto XVI – V. 19)”.