Nel nostro programma, l’assistenza sanitaria è uno dei temi principali“. Così afferma Paul Kollensperger, in vista dell’imminente campagna elettorale per le elezioni provinciali in Alto Adige.

Ci stanno a cuore le questioni che riguardano direttamente la qualità della vita dei cittadini e la salute è il bene più prezioso. Ciò rende ancora più preoccupante il fatto che i partiti di governo non siano riusciti per anni a risolvere uno dei maggiori problemi che affliggono i servizi medici: le liste d’attesa senza fine” continua Kollensperger, come più volte da lui sottolineato durante la legislatura che si appresta a concludersi.

A corredo di quanto detto, l’ex-grillino presenta anche diversi dati, resi manifesti da un sondaggio commissionato proprio dal Sudtiroler Volkspartei: anzitutto il sistema sanitario è considerato dagli altoatesini il primo problema da parte dei cittadini, che per il 94% ritengono inaccettabili i lunghi tempi di attesa. Dati che hanno portato alla rimozione del direttore generale Schael, finora sempre difeso dall’SVP.

Attendere settimane e mesi è un calvario semplicemente irragionevole – attacca Kollensperger – chi può permetterselo si concede una visita privata, chi non ha un’assicurazione privata o non può pagarsi lo specialista privato, si mette da parte“.

A sostegno di Kollensperger interviene anche Maria Elisabeth Rieder: “La distinzione tra pazienti di Serie A e di Serie B è ormai una realtà anche in Alto Adige. I politici non hanno ancora alzato un dito per opporsi, anzi sembra quasi che vogliano che i cittadini paghino le cure mediche di tasca propria“. Non solo proteste però da parte del Team Kollensperger: “Laddove l’Azienda sanitaria non può soddisfare la domanda, dovrebbero essere coinvolti colleghi esperti stabiliti. In questo modo si allenterebbe la pressione sui reparti ambulatoriali specializzati“.

Secondo la Rieder, però, i tempi di attesa sarebbero dovuti sia alla mania di centralizzazione dell’Azienda sanitaria altoatesina, sia all’erosione dei piccoli ospedali: “Qui le decisioni sono state prese sopra le teste dei dipendenti interessati. La politica e la dirigenza non si sono curate di valorizzare il buon lavoro che il personale medico ha svolto per decenni e non l’ha coinvolto nei nuovi sviluppi“. Non a caso, una delle principali problematiche è quella dell’abbandono degli ospedali pubblici da parte del personale specializzato. Un problema che il Team Kollensperger si promette di risolvere.