Maltempo: l’Italia concede 220 milioni al Trentino. Fugatti: “Risorse importanti”

Sono circa 220 i milioni destinati al Trentino, territorio che la violenta tempesta di fine ottobre non aveva risparmiato, causando due vittime e gravi danni a boschi, impianti produttivi, strade e abitazioni.

A confermarlo al Presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti è stato lo stesso Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte che ieri a Palazzo Chigi ha incontrato gli amministratori regionali per aggiornarli in merito al piano nazionale sul dissesto idrogeologico, che il Consiglio dei Ministri ha adottato il 20 febbraio scorso.

È una notizia che aspettavamo e che accogliamo con grande soddisfazione – ha commentato il Presidente Fugatti – perché siamo di fronte a un fenomeno di scala nazionale che ha lasciato segni profondi anche in Trentino, nel territorio come pure nell’animo della nostra gente“.

Le risorse statali ci danno la possibilità di lavorare al piano di sicurezza e ricostruzione che abbiamo attuato immediatamente: per far fronte all’emergenza avevamo riconfigurato la programmazione delle nostre disponibilità finanziarie mettendo a bilancio quanto necessario; ora sappiamo di poter contare sui fondi statali per una copertura importante dei danni materiali” continua il Presidente.

Nel dettaglio, il decreto del Consiglio dei Ministri assegna alla Provincia autonoma di Trento la somma complessiva di circa 219 milioni di euro (218.930.620,41 per la precisione) nel triennio 2019-2021 tra i capitoli della somma urgenza, del ripristino e della ricostruzione.

Ora – commenta Fugatti – con queste risorse proseguiremo il lavoro che abbiamo fin da subito messo in campo per mettere in sicurezza le nostre valli e continuare a ricostruire. Voglio in questa sede ringraziare il Ministro Riccardo Fraccaro per avere dimostrato attenzione e vicinanza alla Provincia autonoma di Trento nell’azione di governo che ha portato alla ripartizione dei fondi statali“.

Credo che questo sia un risultato di squadra che fa bene al Trentino e a tutte le realtà colpite dal maltempo dell’ottobre scorso” ha concluso il Presidente della Provincia, annunciando interventi di ricostruzione sin da subito.