Nicolini (M5S): “La Regione è una scatola vuota, costa troppo e non serve”

Dopo le nomine della nuova Giunta regionale, non mancano le polemiche. Diego Nicolini, Consigliere provinciale altoatesino del Movimento 5 Stelle polemizza contro l’intera istituzione regionale.

Quanto visto ieri in Consiglio regionale è assurdo: tutti e dico tutti i gruppi sono concordi che, così com’è oggi l’istituto della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige sia in crisi e si debba cambiare” sostiene il Consigliere del Movimento.

Ci sono più assessori che competenze. La Regione è una scatola vuota, autoreferenziale, che costa un sacco di soldi e restituisce all’esterno una cattiva immagine di un nostro preziosissimo bene, quale è l’Autonomia” continua Nicolini.

Trovo incoerenti le dichiarazioni dei due partiti che governeranno la Regione: da un lato vi è la Lega di Fugatti che vuole valorizzare l’Autonomia dando maggiori competenze alla Regione; dall’altro l’SVP di Kompatscher che si arrampica sugli specchi dicendo l’esatto contrario” attacca il grillino. Che continua “Per non parlare del copia-incolla della dichiarazione di governo presentata nel febbraio 2014 dall’allora Giunta di centrosinistra. Interi paragrafi sono stati riportati in maniera fedele, come la premessa storica e il significato di Autonomia. È curioso che si sia citata, come nel 2014, la A22, problema che adesso sta per essere risolto proprio dal Movimento 5 Stelle“.

“Anche oggi una settantina di consiglieri con i loro staff si sono riuniti per portare avanti il baraccone. A pagare sono i cittadini, che della Regione probabilmente non ne conoscono neanche le minime funzioni” sostiene Nicolini, che conclude: “Troviamo che possa avere senso e debba anche esserci un organo di coordinamento tra le due province, ma con un radicale snellimento delle procedure, delle dotazioni e delle risorse“.