Nomine ufficio presidenza regionale, Savoi (Lega): “Ghezzi stia tranquillo”

Le critiche di Paolo Ghezzi (Futura) sulle nomine dell’ufficio di presidenza regionale non sono rimaste inascoltate da parte di Alessandro Savoi, Consigliere regionale della Lega.

Il consigliere della lista di centrosinistra aveva infatti criticato le decisioni, ritenendole sessiste (nessuna donna ha ricevuto incarichi) e incentrate esclusivamente verso la maggioranza SVP-Lega, delineatasi dopo il voto del 21 ottobre. Le critiche di Ghezzi si sono spinte fino a parlare di “Regione svuotata da parte dei provincialismi“.

Savoi ha voluto allora rispondere all’esponente di punta della lista Futura 2018. “Il collega Ghezzi lamenta, a seguito dell’esito della votazione dei tre Segretari Questori, il fatto che la Regione Trentino-Alto Adige stia subendo l’ennesimo svuotamento a favore delle due Province autonome. Tutto ciò è molto buffo, considerando che lo stesso Ghezzi lamenta che Lucia Coppola, del suo stesso partito, non sia stata eletta dopo la sua dichiarazione in aula a sostegno della candidatura di Repetto, del PD“.

Siamo ben consci – continua Savoi – che ci sono forti resistenze da parte di tanti gruppi del Consiglio provinciale di Bolzano sul mantenimento in essere dell’entità regionale. Noi però siamo ben determinati a difendere l’ente che è alla base del nostro Statuto speciale di Autonomia. Morisse la Regione, sparirebbero infatti anche le due Province autonome di Bolzano e di Trento“.

Tutti i gruppi che attualmente compongono il Consiglio regionale sanno bene tutto ciò e quindi se le sinistre non sono riuscite a compattarsi su un unico nome si facciano un bell’esame di coscienza. Noi siamo ben felici che il collega Urzì sia stato eletto all’interno dell’Ufficio di presidenza della Regione Trentino-Alto Adige” conclude Savoi.