Pd e Svp approvano il No al Tricolore e all’azzurro nei siti istituzionali in Alto Adige

0
815

“I siti internet dei comuni altoatesini? Non dovranno seguire il layout dei siti istituzionali italiani. Per capirci: nessuna traccia di Tricolore, ma anche lo stesso sfondo azzurro pensato per tutta la penisola in Alto Adige viene dichiarato non gradito”. Ad affermarlo, con una nota, è Alessandro Urzì, L’Alto Adige nel Cuore.

“La proposta/sfida digitale parte oggi dai secessionisti di Suedtiroler Freiheit ma alla fine viene fatta sorprendentemente propria anche dal PD (sempre più appiattito) e la Svp che dichiarano: ci riconosciamo nel diritto di fare i nostri siti internet senza dovere rispettare le direttive nazionali”.

La sfida all’Italia la hanno chiamata “autonomia digitale”.

“La ha evocata in Consiglio provinciale il governatore Kompatscher inseguendo i secessionisti nella loro proposta ed approvandola anche a nome del PD”.

Ecco il testo: “Il Consiglio provinciale esprime la propria contrarietà all’adeguamento obbligatorio agli standard nazionali del layout dei siti web istituzionali dei Comuni e delle Comunità comprensoriali della provincia di Bolzano e sollecitano la giunta provinciale ad intervenire – in ossequio all’autonomia dei Comuni – al fine di ottenere una deroga per la provincia di Bolzano”. La chiamano “autonomia digitale”. Di fatto è una secessione digitale. Di fatto è un fastidio per l’Italia nemmeno troppo mascherato.