Rossi e Zeni come Erdogan, Bezzi (FI): “Vogliono mettere il bavaglio all’opposizione”

"Per aver presentato un documento con il quale chiedo se i profughi che arrivano sono vaccinati e che tipo di malattie virali hanno avuto fino ad oggi, sono tacciato di sciacallaggio" 

0
40

Nella gente comune angoscia il fatto che alcune malattie ormai debellate da anni sul nostro territorio si ripresentino sconvolgendo la vita di chi viene colpito e, per aver presentato un documento con il quale chiedo se i profughi che arrivano sono vaccinati e che tipo di malattie virali hanno avuto fino ad oggi, sono tacciato di sciacallaggio. Con queste parole, in una nota stampa, Giacomo Bezzi (Forza Italia del Trentino)

“Nessuno – continua nella nota – ha già trovato degli imputati nella triste vicenda della piccola morta per malaria, solamente si chiedono indicazioni affinché siano resi pubblici i dati su eventuali malattie infettive ormai debellate in Italia da anni e ripresentatesi e a quali vaccini sottopongano i profughi, in modo che i cittadini trentini si possano sentire tranquilli se si trovano a contatto in luoghi pubblici, a maggior ragione se ospedalizzati”.

L’interrogazione è semplicemente un atto legittimo rivolto al Presidente del Consiglio con il quale si chiedono informazioni: il consigliere chiede notizie attraverso un documento e il Presidente della Giunta o l’assessore di riferimento, risponde”.

Denigrare questo strumento riconosciuto come atto istituzionale e democratico in cui si concretizza la funzione di controllo del governo, è una grave mancanza di rispetto dei ruoli istituzionali ed è offensivo per l’opposizione essere accusata di fare demagogia politica perché utilizza tale strumento”.

No, non ci sto, d’ora in poi – prosegue nella nota – sarò più duro con questa maggioranza di csx e dei suoi rappresentanti i quali sì fanno demagogia e sono veri sciacalli nei confronti dei Trentini, sbloccando le risorse solo al momento opportuno con l’avvicinarsi delle elezioni”.

“Infatti in occasione di questo appuntamento elettorale magicamente iniziano sempre le promesse, i finanziamenti e l’esecuzione di opere pubbliche dopo aver ridotto alla fame per quattro anni le imprese e nello stesso tempo aver tenuto i Comuni sotto ricatto”.

“Per problemi interni alla loro coalizione scaricano le paure sulle opposizioni che svolgono solamente il loro ruolo legittimo e vorrebbero pure mettergli il bavaglio come Erdogan sta facendo in Turchia!”, conclude infine nella nota il Cons. Bezzi.

Rispondi