Sanità, rinnovo contrattuale. Segnana: “Porremo in essere le valutazioni”

Riparte la contrattazione per il rinnovo del contratto di lavoro del personale dell’Azienda sanitaria. Il Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e l’Assessore alla Salute Stefania Segnana hanno incontrato i sindacati.

L’obiettivo è quello di arrivare alla chiusura completa del contratto di lavoro provinciale del personale non dirigente della sanità trentina per il triennio 2016-18. A questo scopo, per riprendere il percorso della contrattazione, Fugatti e la Segnana hanno incontrato ieri i rappresentanti dei sindacati del settore.

Erano presenti Cgil, Cisl, Uil, Fenalt e Nursing up. I sindacati hanno sottoposto alla nuova amministrazione provinciali le principali questioni aperte e le criticità sul tappeto, non solo in relazione al contratto dei circa 7000 dipendenti dell’Azienda sanitaria, ma anche in merito all’organizzazione sanitaria ed ai servizi offerti ai cittadini. Un confronto aperto che ha evidenziato posizioni diverse fra le diverse sigle sindacali.

Si è trattato di un’operazione ascolto. “La Giunta porrà in essere le opportune valutazioni, confrontandosi anche con l’Azienda sanitaria, che saranno poi trasformate, nelle prossime settimane, in direttive che l’Apran, l’Agenzia provinciale per la rappresentanza negoziale, porterà avanti nei successivi incontri” affermano Fugatti e la Segnana.

E non c’è da dubitare sul loro impegno al riguardo: difatti Stefania Segnana alla Camera apparteneva alla Commissione Affari Sociali e Maurizio Fugatti era parte del Governo Conte in qualità di Sottosegretario di Stato al Ministero della Salute.