Savoi rimane Presidente della Lega Trentino, confermati Paccher e Festini Brosa

Il Consiglio nazionale della Lega Trentino ha stabilito, in una riunione svoltasi stasera, i dirigenti che guideranno il Partito in vista delle elezioni provinciali d’ottobre. Il nuovo Segretario Mirko Bisesti ha deciso, assieme al consiglio, di riconfermare gran parte della precedente dirigenza, riconoscendo da un lato i meriti della precedente dirigenza e dall’altro una nuova attenzione a figure locali.

E’ stato deciso di confermare come Presidente della Lega in Trentino il Consigliere provinciale Alessandro Savoi, segretario della Lega Nord dal 1995 al 1999 e Presidente dal 2005. Un segno di continuità, ma con lo sguardo rivolto verso il futuro.

Affianco a lui Mirko Bisesti, un ragazzo di 30 anni che rappresenta, assieme all’Onorevole Zanotelli e ad altri esponenti locali quali Alessia Ambrosi, il futuro della Lega in Trentino.

Il nuovo organigramma

Il Segretario Organizzativo sarà Gianni Festini Brosa, Consigliere comunale a Trento e sopratutto tra i protagonisti del successo della Lega nelle ultime elezioni. Su di lui la responsabilità di bissare l’ottimo risultato ottenuto lo scorso marzo: una missione difficile, ma non impossibile per lui.

Roberto Paccher ricoprirà invece il ruolo di Segretario amministrativo. I suoi meriti sono già stati ampiamente riconosciuti in occasione del Congresso di maggio. Originario di Levico, sarà uno tra i protagonisti delle prossime elezioni provinciali.

Mara Dalzocchio e Stefano Cerioli svolgeranno, infine, due ruoli importanti. La prima è da oggi la Responsabile degli enti locali, tema particolarmente sensibile per il Carroccio; il secondo, invece, sarà lo strategico responsabile della comunicazione.

Savoi in occasione della sua riconferma ha affermato: “sono onorato e grato alla Lega, ringrazio il segretario nazionale Mirko Bisesti e tutti i membri del consiglio nazionale per la fiducia riposta in me. Cercherò di essere il garante dell’unità del partito e mi batterò con tutte le mie forze affinché tutti gli iscritti si comportino nei confronti del movimento e dei loro vertici con lealtà, onesta, impegno e rispettino lo statuto ed i nostri regolamenti”.