Sulla stazione di Rovereto intervengono Cattoi, Binelli, Fugatti, Segnana e Zanotelli

Sulla stazione di Rovereto si è espressa anche la delegazione parlamentare trentina della Lega. Quanto segue è infatti il testo dell’interrogazione parlamentare presentata dagli onorevoli CattoiBinelliFugattiSegnanaZanotelli riguardo la stazione ferroviaria del capoluogo della Vallagarina.

Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti

Per sapere – premesso che: sabato 24 marzo la stazione di Rovereto, che si presenta decorosa ed accogliente in seguito ad una lunga e costosa ristrutturazione a spese di tutta la collettività, è stata sporcata per l’ennesima volta da incivili che durante la notte si sono introdotti nella stazione; la struttura infatti, nonostante non ci fossero treni notturni, è rimasta accessibile tutta la notte non essendo ancora stati sistemati i tornelli (i lavori sono in previsione nei prossimi mesi) per permettere l’accesso ai binari unicamente ai
possessori di biglietto; il degrado della zona circostante contribuisce all’utilizzo
improprio della stazione come luogo di stazionamento di vagabondi e di persone che
abusano di alcol e che sporcano gli spazi comuni in modo inaudito; – 

se non è tollerabile che un cittadino che si reca in una qualunque stazione la trovi in
condizioni indecenti, ancor meno è accettabile che ciò accada in una struttura
appena risistemata come quella di Rovereto, che, per vicinanza geografica,
dovrebbe presentarsi come la porta per il Lago di Garda; – 

se il Ministro sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e se non reputi
opportuno intervenire con provvedimenti mirati per disporre l’interdizione
all’accesso delle stazioni ferroviarie nelle ore notturne a chiunque sia sprovvisto di
biglietto, anche prevedendo l’istallazione di tornelli obbligatori al fine di evitare che
fatti incresciosi come quelli accaduti a Rovereto possano verificarsi nuovamente e
deturpare così il patrimonio della collettività“.