BERLUSCONI ATTENDE IL VOTO ALLE 19

0
34

Sarà stasera alle 19 il voto che deciderà sul futuro dell’ex premier, Silvio Berlusconi. Durante tutta la giornata di ieri sono volate pesanti minacce con chi affermava il processo farsa, si è affermata l’esistenza di nuove carte, e con chi, invece, affermava di scendere in piazza per la libertà. Nel quadro politico si è inserito anche Renzi affermando che è appena iniziata la campagna elettorale.

“Domani scendono in piazza tutti i cittadini consapevoli di quello che sta avvenendo che sono preoccupati, che non lo fanno per difendere me, ma che hanno a cuore il futuro del Paese e la nostra libertà. Credo che la manifestazione sia assolutamente legittima e pacifica e sia solo l’inizio”. Lo ha affermato Silvio Berlusconi a Studio Aperto. “No, io ho lavorato bene per il mio paese come imprenditore e uomo di Stato, sono italiano al 100% e sono sceso nel 94 in politica per evitare un destino illiberare e una deriva giustizialista all’Italia, c’era da essere preoccupati. Non ho mai avuto ambizione politica, continuerò a difendere quello che io ritengo il primo dei diritti e cioè la libertà. Lo farò con orgoglio”. “Nelle carte Usa ci sono testimonianze da parte di una ex dirigente di primissimo piano del gruppo Agrama che provano la mia estraneità al meccanismo messo in atto. Io non sono mai stato socio occulto di Agrama ma sono stato anzi parte lesa di questa operazione che ha procurato a Mediaset il danno di numerosi milioni di dollari”.

L’avvocato Franco Coppi, storico difensore del Cavaliere, si è invece soffermato sulle problematiche processuali e ritiene che non sia stato concesso “un esercizio pieno del diritto di difesa” perché “sarebbe stato necessario esaminare tutti i testimoni”. Si vedrà solamente in serata come la situazione si concluderà.

Comments

comments