Lelio Alfonso (IU): “Suicidio del Senato, avanti con il NO”

0
43
“Il presidente del Consiglio, oggi in Aula, ha come sempre alzato i toni e svilito il dibattito riducendo il giudizio su una riforma radicale per il nostro Paese a un referendum pro e contro di lui, a ennesima dimostrazione della considerazione che il premier ha per la Costituzione e le regole.
Il voto che l’Aula di Palazzo Madama ha espresso stasera sancisce la fine di una istituzione, la messa in mora della democrazia e la nascita di un simulacro ad uso e consumo dei consiglieri regionali in trasferta pagata. Altro che risparmi, altro che efficienza legislativa! Noi di Italia Unica registriamo con soddisfazione il fiorire di Comitati per il No di variegata estrazione. Non siamo dunque più soli nel batterci contro la brutta riforma del Senato, come accaduto per lungo tempo, tanto da arrivare ad imbavagliarci davanti a Montecitorio per attirare l’attenzione di tanti che non si sono mossi in tempo contro il micidiale combinato disposto Italicum-Nuovo Senato e che ora si stracciano le vesti, magari dopo avere accompagnato per mano Renzi e Verdini nel loro disegno. Il No deve essere convinto e motivato, non opportunistico o populista. La Costituzione merita una difesa trasparente”. E’ il commento di Lelio Alfonso, coordinatore di Italia Unica, il movimento guidato da Corrado Passera, riguardo al voto finale del ddl Riforme.

Comments

comments