Renzi: “Al posto della canottiera di Bossi, vi è la felpa di Salvini”

0
305

“Al posto della canottiera di Bossi, vi è la felpa di Salvini; al posto di Fini, ora vi è la Meloni; al posto di Berlusconi ora vi è Berlusconi”, sono queste le parole usate da Matteo Renzi in occasione dell’apertura della campagna elettorale di Giorgio Gori in Lombardia. Renzi ha detto che il Partito Democratico può essere l’unica soluzione per evitare che il paese crolli nel caos.

Ha fatto un passo di lato, Matteo Renzi. Per qualcuno la scelta di tirarsi indietro da Palazzo Chigi (“A me basta che ci sia un premier del Pd“) non è solo un assist a Paolo Gentiloni ma anche l’antipasto di un suicidio politico, quello che lo attende nel caso, concreto, il Partito democratico sprofondi alle elezioni.

“Volevate la conferma che il M5S non conosce il mondo reale? Eccola qui: Luigi Di Maio scrive che darà un reddito di 1630 euro a ogni famiglia con due figli a carico che è senza lavoro. Ma questi lo sanno che milioni di poliziotti, carabinieri, insegnanti, artigiani, dipendenti pubblici, operai con figli a carico lavorano 40 ore settimanali per uno stipendio più basso di quanto Di Maio vorrebbe regalare a chi sta a casa a non fare nulla? Fratelli d’Italia è un’altra cosa. Noi vogliamo difendere il lavoro, non l’assistenzialismo senza senso. E vogliamo sostenere solo chi è impossibilitato a lavorare per ragioni oggettive: bambini, disabili, over sessantenni privi di reddito”, lo ha scritto il presidente di Fratelli d’Italia e candidato presidente del Consiglio dei Ministri, Giorgia Meloni.

Comments

comments