Borghezio (Lega): “CARA di Mineo esempio dei danni del buonismo all’immigrazione”

Photo Credit [Facebook]

Gli ultimi sviluppi dell’inchiesta sul CARA di Mineo – afferma l’Europarlamentare Mario Borghezio, della Lega – dimostrano a quale livello di infiltrazione siano potuti giungere i gruppi criminali presenti nel nostro Paese grazie al lassismo degli ultimi anni e alle connivenze evidenti i chi ha sfruttato l’immigrazione indiscriminata in cerca di facili guadagni“.

È stato lo stesso Procuratore di Catania a sancire la totale ingestibilità del sito di Mineo” continua Borghezio, confermando l’esistenza di un vasto racket guidato con metodi mafiosi da una cellula nigeriana. “Questi imponevano la propria egemonia con la violenza e gestivano in loco il traffico di stupefacenti. Mai come oggi a Mineo appare così manifesta la differenza tra la realtà della situazione e la visione ideologica proposta dai professionisti dell’accoglienza e dai buonisti“.

Quello in Sicilia non è l’unico avamposto della mafia nigeriana in Italia: diverse ricerche hanno infatti dimostrato che l’organizzazione è ben diffusa su tutto il territorio nazionale, con rapporti di collaborazione anche con Cosa Nostra e le mafie locali.

Il CARA di Mineo ora rischia la chiusura grazie alle disposizioni proposte dalla Lega nell’ambito del Decreto Sicurezza. “Un plauso quindi – conclude Borghezio – al Ministro Salvini che prosegue nella sua coraggiosa battaglia per i porti chiusi e intende chiudere il centro entro l’anno“.