Crisi, Italia Unica: “L’Eurostat conferma la ricetta per il disastro”

0
31

“Stavolta i dati li fornisce Eurostat e il bilancio non ammette repliche: l’Italia è la peggiore economia tra i big europei. Su due fronti decisivi: cresce molto meno degli altri Paesi e il suo tasso di occupazione resta tra i più bassi in assoluto. Il tutto nonostante gli incentivi concessi dal Jobs Act e in un quadro in cui i segnali di peggioramento congiunturale e di indebolimento della ripresa si fanno più sensibili. Se qualcuno pensa che si possa gioire di una simile situazione è nient’altro che un irresponsabile. Da tempo Italia Unica mette in guardia dagli infondati ottimismi che sparge palazzo Chigi, e Corrado Passera mesi e mesi or sono ha messo nero su bianco un piano per il rilancio dell’economia con un impegno di 400-500 miliardi indicando come e dove trovare le risorse. Macché. Renzi preferisce fare spallucce e sciaguratamente insistere sul ritornello dei gufi. Ancora una volta, e rifiutando in qualunque versione il ruolo dei demagoghi o dei seguaci del tanto peggio tanto meglio, non si può che lanciare l’allarme: quella che insiste a perseguire il governo è la ricetta per il disastro. È sempre più urgente non fare genericamente “di più” quanto invertire completamente la direzione di marcia, tagliando la spesa improduttiva e aumentando gli investimenti. Solo così si può imboccare sul serio la strada dello sviluppo, al di fuori della quale non ci potrà mai essere incremento dell’occupazione. Che fine ha fatto, per fare solo un esempio, la promessa di tagliare le società partecipate? Doveva essere una priorità: è finita nel dimenticatoio. Purtroppo il prezzo finale di tante elusioni o scelte sbagliate lo pagheranno gli italiani. E questa è un colpa imperdonabile”.

Così in una nota Italia Unica, il movimento guidato da Corrado Passera.

Comments

comments