Ecco perchè Fratelli d’Italia (forse) non parteciperà al Governo Legastellato

Prevale al momento la linea del no dopo una giornata di trattative tra i vertici di Fratelli d’Italia e quelli Legastellati sulla possibile adesione dei primi al Governo. Fonti accreditate all’interno del Partito guidato da Giorgia Meloni hanno affermato che i negoziati si sarebbero interrotti a seguito di alcune perplessità da parte della corrente più di sinistra dei 5 stelle. Situazione, quella della esclusione di Fratelli d’Italia dal Governo, che, però, non è del tutto chiusa.

Sembrerebbe infatti che sia stato richiesto nella giornata di oggi un sostegno parzialmente esterno a Fratelli d’Italia, ovvero non una vera e propria alleanza di governo, quanto piuttosto la nomina di un Ministro di Fratelli d’Italia sotto le insegne della Lega.

Si è forse chiuso così un lungo dibattito interno tra coloro che erano a favore e coloro che erano contrari alla possibile partecipazione di un Governo Legastellato. Il tutto sembrerebbe essersi bloccato intorno alla questione Ministri e all’ufficialità della partecipazione di Fratelli d’Italia nella neomaggioranza, partecipazione non voluta dalla corrente più a sinistra del M5S.

Crosetto stamane aveva affermato“Non avevamo preclusioni particolari verso questa fase, le preclusioni le aveva l’area più di sinistra del M5S, quella legata a Fico. Salvini ha sempre assicurato che invece lui avrebbe garantito la presenza di centrodestra più allargata possibile”.

Nel pomeriggio il vertice Meloni – Salvini che si è risolto con una indisponibilità da parte di Fratelli d’Italia di partecipare al Governo. Un problema sopratutto per il Governo Legastellato dato che la maggioranza al Senato si ridurrà a 6 Senatori.