Fondazione AN: Fratelli d’Italia fuori dai giochi

0
46

Con 44 voti Corrente azzurri-ex sindaco Roma ottiene 11 consiglieri su 21 Roma. Dopo un confronto serrato durato quasi 4 ore la Fondazione di Alleanza Nazionale riesce a rinnovare il suo consiglio di amministrazione. Sui 100 aventi diritto del cosiddetto ‘Comitato’ hanno votato in 87 ed è prevalsa di un soffio, con appena due voti di differenza (44 per l’esattezza contro 42) la cordata che fa capo a Gianni ALEMANNO e agli azzurri Maurizio Gasparri e Altero Matteoli. La lista formata dai forzisti e dall’ex sindaco di Roma (la numero 2) ha così conquistato 11 consiglieri su 21, ottenendo la maggioranza relativa. Non ce l’ha fatta, invece, la corrente di Fratelli d’italia (la lista numero 1), che ha eletto 10 componenti del Cda. Un solo astenuto. Di fatto, dunque, non risultano nè vinti, nè vincitori e gli equilibri interni dovrebbero essere più stabili, favorendo in futuro una gestione più collegiale della Fondazione aennina, che gestisce il patrimonio dell’ex partito guidato da Gianfranco Fini con un vero e proprio tesoretto di vari milioni di euro, tra beni mobili e immobili. Per Gasparri non c’è nessuna ombra di Fini sui gioielli di An, anzi: ”E’ un bene che ci sia un equilibrio tra le varie anime di Alleanza nazionale, perchè la Fondazione -dice all’Adnkronos- non può essere lo strumento di un partito o di un singolo, ma deve svolgere il ruolo che gli compete per sua natura. Ovvero, investire correttamente le risorse economiche e immobiliari di cui dispone, destinando i proventi ad attività tipiche come ricerche, filmati, video, l’organizzazione di convegni e mostre. La nostra fondazione non è un tesoretto per i partiti’.

Rispondi