Fraccaro rinuncia alla sua indennità da Questore della Camera dei Deputati

0
845

Fraccaro, nominato Questore della Camera dei Deputati, come primo gesto ha deciso di rinunciare all’indennità prevista per la sua carica. L’ha annunciato su Twitter con un post: “Grazie a tutti, l’elezione a Questore è un onore. Il mio primo atto è la rinuncia all’indennità di funzione, oltre 3.100 euro mensili. Un gesto di coerenza e sobrietà che mi sembra doveroso fare anche per dare un indirizzo chiaro al ruolo che ricoprirò”.

Il Parlamentare trentino sembra esser stato eletto anche grazie ai voti della Lega, partito che ha apprezzato il lavoro fatto dal M5S in Trentino. I due partiti da anni stanno collaborando in opposizione al centrosinistra – guidato da Ugo Rossi. Questa collaborazione recentemente ha visto i due partiti coinvolti in una comune mozione di sfiducia al Sindaco di Trento, anch’esso di centrosinistra.

Fraccaro fin dai suoi esordi in politica con la fondazione del Meetup Trento, ha basato la sua politica sui seguenti principi: «È tempo di aprire una nuova era politica, in cui occuparsi con onestà e competenza di tutti i settori della società, dal lavoro alla scuola, dalla sanità all’agricoltura, dalla sicurezza alla cooperazione. Liberiamo finalmente le energie del nostro Paese, che attendono solo di avere una possibilità».

Politico di gran sensibilità, ha da sempre un forte rapporto con il territorio, risultando anche il Parlamentare più apprezzato dai trentini nella scorsa legislatura.