Furlan a tutto tondo sulle manovre del Governo Conte: “Impegno ancora molto debole”

“La legge di stabilita’ sara’ la vera cartina di tornasole su quanto il Governo Conte intende davvero investire per la crescita del paese, sulle infrastrutture, sulla quantita’ e qualita’ degli investimenti pubblici e degli sgravi fiscali e contributivi per creare nuovi posti di lavoro stabili, soprattutto nel Mezzogiorno”. Lo sottolinea la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando il Def del Governo.

“E’ ancora presto – ha affermato la stessa – per esprimere un giudizio sull’impostazione che il Governo dara’ alla manovra. In ogni caso noi giudicheremo la prossima legge di stabilita’ soprattutto rispetto alle misure ed ai finanziamenti che saranno previsti per la crescita e lo sviluppo del paese”. “Da quello cha traspare – ha continuato – ci sembra ancora molto debole l’impegno del Governo sullo sblocco delle grandi opere infrastrutturali già  finanziate e cantierabili, così come non emerge un impegno chiaro sull’innovazione, sulla ricerca, sulla formazione che sono settori fondamentali per la creazione da parte delle aziende di nuovi posti di lavoro”.

“Oggi – ha detto – abbiamo visitato l’Istituto Italiano di tecnologia di Genova, un centro di eccellenza al servizio dello sviluppo produttivo e competitivo del nostro paese. Il Governo Conte dovrebbe valorizzare queste esperienze di innovazione e ricerca ed assumere come modello di politica di sviluppo competitivo il patto della fabbrica siglato da sindacati ed imprese così apprezzato dalla Commissione Europea e da tanti governi e parti sociali europee”.

Quanto all’intervento previsto sulle pensioni, la quota 100 ed i 41 anni di contribuzione, ci sembrano un buon punto di partenza per aprire un confronto con il Governo, anche se bisogna affrontare il tema delle donne che soprattutto nel sud rischiano di essere penalizzate da una contribuzione minima di 38 anni e di come arrivare ad una pensione di garanzia per i giovani, soggetti al sistema contributivo”. Inoltre, per la stessa segretaria, “anche il provvedimento sul reddito di cittadinanza appare molto confuso non solo per la platea dei destinatari, ma perché  non si capisce con quale percorso e con quali strumenti saranno avviate le persone ad un effettivo inserimento nel mondo del lavoro”.

“Non siamo contrari, – ha infine ribadito –  ad una diminuzione della pressione fiscale sulle partite iva e sulle start up, ma manca la definizione di un vero programma di alleggerimento fiscale sul mondo del lavoro e sui pensionati, assolutamente necessario in un paese dove piu’ del 70% dell’erario proviene dalle tasche dei lavoratori dipendenti e dai pensionati”.