Gentiloni: “l’Unione Europea ha bisogno di migranti”

“Aiutiamoli a casa loro non è da Italia, l’Unione Europea ha bisogno di migranti”. Queste le sue parole oggi, a proposito dei migranti, in occasione della Conferenza nazionale della Cooperazione allo Sviluppo.

Affermazioni che, in men che non si dica, hanno scatenato una vera e propria polemica. Parole che ad alcuni sono suonate come una frecciatina, da parte del Premier uscente Gentiloni, (impegnato tra appuntamenti istituzionali e campagna elettorale del Pd), rivolte niente di meno che alla Lega Nord del candidato Premier Matteo Salvini.

Nei giorni scorsi, infatti, è stato proprio il candidato governatore del centrodestra in Lombardia, il leghista Attilio Fontana, a parlare di “razza”, scatenando il putiferio. Termine, quest’ultimo, che ha fatto agitare gli animi sia in sede istituzionale che tra l’opinione pubblica. Anche il Papa, nelle scorse ore, si è mosso per promuovere un “giornalismo di pace”, orientato al dialogo e alla comprensione.

Il premier – così come rilanciato da lapresse.it – ha sottolineato che la cooperazione internazionale è la “componente fondamentale delle relazioni internazionali di cui oggi abbiamo bisogno”. “Questo – ha detto il presidente del Consiglio – è il mondo che un Paese come l’Italia ha in mente e che non vogliamo farci scippare da chi pensa a un mondo di protezionismi, nazionalismi e di chiusura dentro le singole frontiere”. Per Gentiloni l’Italia “ha salvato l’onore dell’Europa, salvando migliaia di vite umane”, e ha mostrato la strada di come si passa dal traffico di esseri umani a una migrazione che non mette in pericolo le persone e della quale “non dobbiamo vergognarci di dire che c’è bisogno in un’Europa che invecchia”.