L’ACCUSA DI GIORGIA MELONI CONTRO GIANNI ALEMANNO

0
18

“In cinque anni non è riuscito a infrangere quel sistema di potere che si era consolidato sotto le amministrazioni precedenti”. Giorgia Meloni punta il dito accusatorio verso Gianni Alemanno, attualmente iscritto al suo stesso partito ed ex sindaco di Roma,  indagato nella maxi inchiesta Mafia Capitale . La leader di Fratelli d’Italia nell’intervista rilasciata a Repubblica ci tiene però a precisare che “”Le eventuali responsabilità penali di Gianni Alemanno le accerterà la magistratura, quelle politiche, purtroppo, sono evidenti. Ma guai a parlare solo di destra. Il marcio, lo schifo emerso da questa vicenda è trasversale, c’è dentro di tutto”. Al contempo ricorda che  “nel partito è approdato da poco”.

A difendere Alemanno ci pensa Isabella Rauti, moglie di questo, che lo ha sempre sorretto nella sua carriera politica: “Avevo nove anni quando ho assistito all’arresto di mio padre. Alla fine è stato assolto con formula piena e questo ha segnato me e la mia famiglia per sempre. Martedì quando i carabinieri sono entrati in casa alle 8 di mattina sono tornata a 42 anni fa. Lì ho iniziato a capire cosa è la condanna sociale e morale e anche le  forme di sciacallaggio”.
Al contempo lancia una dura accusa nei confronti della stampa affermando che  “Se si decide di seguire ogni intercettazione, anche se non ha trovato riscontro, dandole il rango di notizia, allora le garanzie di tutti vengono azzerate”.

Comments

comments