Giorgia Meloni: “Il cambiamento non è fare la prostituta”

Giorgia Meloni fin da subito scatenata su Facebook. La leader di Fratelli d’Italia, già all’opposizione dell’esecutivo giallo-verde, è ancora più contraria all’ipotesi di un nuovo esecutivo formato da M5S e Pd. E lo ha fatto capire chiaramente. “Si stamettendo d’accordo lagente che avrebbe perso le elezioni e ci fannoanche la morale: Cinquestelle cari… ma il cambiamento era questo? Fare la prostituta unpo’ con la destra un po’con la sinistra, a seconda di chi ti dà qualcosa di più?” Il riferimento è ovviamente alla trattativa con Matteo Renzi, “resuscitato”, il “vero burattinaio” della nuova maggioranza, secondo Meloni, che attacca direttamente l’ex Premier Giuseppe Conte.

Meloni comunque non ha concluso così il suo intervento e ha aggiunto: “Conte resta abbarbicato alla poltrona e tutto quello che ha detto è solo per ingraziarsi il Pd, la Francia e la Germania. Cavolo, fa schifo parecchio questo cambiamento…”.

La sua posizione, del resto, è facilmente intuibile: tornare subito alle urne per formare un polo sovranista in cui il suo partito, del resto già dato in ascesa nei sondaggi, potrebbe essere la prima stampella della Lega di Matteo Salvini. Così anche lei cavalca la tesi dell’“inciucio” già ventilata dal leader leghista nel corso del dibattito a Palazzo Madama: “Sono veramente stufa di dover assistere a questo teatrino ridicolo sulla pelle degli italiani: alleanze e inciuci per conservare la poltrona ed evitare il voto. Ora basta, la parola torni agli italiani”.