LA LUNGA GIORNATA DEL SOTTOSEGRETARIO DE LUCA

0
30

“Caro Presidente”. Comincia così la lettera inviata da Vincenzo De Luca,sottosegretario al ministero delle infrastrutture e dei trasporti, al premier Enrico Letta. Comincia così, con toni cordiali e rispettosi. Ma è solo un attimo, perché per ritrovare questi toni
bisogna scorrere tutta la missiva fino all’ultimo rigo: “Con cordialità”.
In sostanza quattordici righe velenosissime, scritte tutte d’un fiato. “Nel nostro colloquio di lunedì 4 novembre – recita la lettera – ci siamo lasciati con il tuo impegno a risolvere, nel giro di pochi giorni, la questione della definizione delle responsabilità nell’ambito del ministero infrastrutture e trasporti. È trascorso molto tempo, senza alcun fatto nuovo, e dopo mesi di mie sollecitazioni scritte.
Credo di aver aspettato anche troppo, per puro senso di responsabilità”. Sembra quasi una lettera di dimissioni, già a riguardo avevamo parlato dei pesanti rapporti lavorativi con il Ministro Lupi.
La giornata non si è però conclusa così. Una testa di maiale mozzata è stata scoperta nella serata nell’androne dell’edificio dove risiede il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca. La testa di maiale, con un limone nella bocca, è stata poggiata sulle cassette delle lettere in bella mostra, senza alcuna busta che la contenesse.
Sul posto la polizia con le Volanti, la Digos e la Scientifica.

Giorgio Cegnolli

Comments

comments