LAVORO: BUSIN (LN), INACCETTABILE DISCRIMINAZIONE INPS SU LAVORATORI PART-TIME

0
31

Chiediamo al governo di rimediare all’ingiustificata discriminazione ai danni dei lavoratori a tempo parziale con un contratto di tipo verticale”.

Lo ha detto durante il question time alla Camera il deputato della Lega Nord, Filippo Busin, che ha interrogato il ministro del Lavoro, Riccardo Poletti. “La scelta operata fra il part-time orizzontale o verticale ha uno scopo esclusivamente organizzativo, per cui si presume che a parità di ore lavorate la produttività sia massima in entrambi i casi. Tuttavia l’Inps  considera il part-time orizzontale come presenza effettiva sul luogo di lavoro per tutti i giorni settimanali e, quindi, ai fini pensionistici, calcola l’anno solare, mentre nel caso di quello verticale, poiché il lavoratore non presta servizio per intere giornate, lo considera soggetto a decurtazione percentuale ai fini dell’anzianità contributiva. Sulla questione è stata investita anche la Corte di Giustizia europea, che ha ritenuto il criterio adottato dall’Inps fonte di discriminazione tra i lavoratori part-time. Chiediamo quindi al governo di superare in tempi certi e celeri tale errata interpretazione dal momento che non esiste alcun presupposto organizzativo, né giuridico, né inerente agli accordi quadro sul lavoro dipendente che la possa giustificare”.

Comments

comments