Meluzzi: “La sinistra ha perso perché non ha imparato la storia”

A commentare l’esito dei ballottaggi delle elezioni amministrative c’è anche il professor Alessandro Meluzzi, psichiatra, saggista e politico assai noto nel nostro Paese.

L’inequivocabile e schiacciante vittoria del centrodestra – afferma Meluzzi – ma anche del 5 stelle e in generale della coalizione di governo in questa competizione amministrativa dimostra alcune cose, come la caduta verticale della sinistra post-comunistapost-democristiana del PD in roccaforti non irrilevanti come Pisa, culla di sedi universitarie da sempre governate dalla sinistra, o Siena, roccaforte del Monte dei Paschi, della finanza e del compromesso storico comunista e laico-massonico in Toscana, ma anche Massa con i suoi cavatori di marmo“.

In tutta Italia – continua il professor Meluzzi – la sinistra è in crisi perché questa visione mondialistamigrazionista finanziata da Soros e dalle grandi élites bancarie mostra la coda. La sinistra ha fatto una grande confusione storica: prima ha confuso la società di mercato con l’economia di mercato, perché se l’economia può essere di mercato, la società non può esserlo, dal momento che un servizio sanitario nazionale ha bisogno del ruolo dello Stato. Oggi hanno confuso la globalizzazione delle merci con la globalizzazione delle persone: i confini devono rimanere, le nazioni devono rimanere, le linee guida delle nazioni e dei popoli devono rimanere, altrimenti si va incontro a un melting pot confuso, senza radici, senza orizzonti e senza senso“.

La sconfitta della globalizzazione migrazionista, voluta da chi voleva distruggere la sovranità e l’autogoverno democratico dei popoli dimostra che soltanto nella Francia di Macron, figlio dei Rothschild, un paese che ci deve ancora spiegazioni sul delitto Mattei, sulla strage di Ustica e sulla Libia, in un’operazione fatta più per la Total contro l’Eni che per motivo umanitario, questo sistema è vincente” dichiara Meluzzi.

Ringraziamo SalviniMeloniDi Maio per aver consentito questa transazione storica per riportare nelle mani degli italiani la loro sovranità” conclude Meluzzi. “Sì all’economia di mercato, sì alla globalizzazione dell’economia, no alla società di mercato, no alla globalizzazione del migrazionismo, che distruggerebbe popoli in via di sviluppo e spingerebbe la parte più vitale dell’Africa a fuggire da un welfare che non hanno creato anziché a contribuire costruttivamente alla crescita sociale ed economica dei loro paesi. Per questo la sinistra ha perso: perché non ha capito, ancora una volta, la storia“.