“Alla fine in ogni vicenda sull’immigrazione indotta dalle ONG esce sempre il nome del finanziere Soros e accade anche in questa della nave Aquarius gestita sia da Medici senza frontiere che da SOS Mediteranee”, ad affermarlo il deputato di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, che poi ha aggiunto: “Sos Mediteranee ha tra i suoi fondatori la onlus italiana Cospe che ha ricevuto dalla Open society di George Soros finanziamenti diretti. In più Medici senza frontiere ha tra i suoi vertici, Marine Buissonnière, già dipendente di MSF poi direttrice di Open society e ora di nuovo consulente di MSF per le migrazioni”. 

Per Mollicone vi è quindi la certezza e non una semplice suggestione che esista un coordinamento diretto tra Soros e le ONG che importano nuovi schiavi per scardinare il mercato del lavoro e i diritti dei popoli europei. Il governo per Mollicone dovrebbe quindi intervenire legislativamente, come proposto, per mettere fuori legge le attività di Soros in Italia.

“Lo stesso Governo che con il premier Conte deve intervenire con decisione e per via diplomatica convocando l’ambasciatore francese in Italia. Macron, da oggi soprannominato Micron,  non deve permettersi di attaccare l’Italia”, conclude così il deputato di Fratelli d’Italia sulla sua pagina Facebook.