Rozzano, Italia Unica: “Non si difende così la laicità di Stato”

0
33
“È difficile non criticare la scelta del preside di Rozzano, che gestisce un complesso di classi che va dalla scuola dell’infanzia al ciclo secondario, che ha deciso di cancellare la recita natalizia di canti e poesie cristiane per non urtare la sensibilità degli alunni musulmani e delle loro famiglie. Non si difende la laicità di uno Stato negando in questo modo un vero dialogo educativo tra i ragazzi (il 20 per cento stranieri), i genitori e gli insegnanti sul valore delle tradizioni. Non è così che si rispettano i credi altrui, perché piuttosto si alimentano dubbi e divisioni. Il preside di Rozzano – che purtroppo negli ultimi anni è stato in buona compagnia – non deve pensare che un crocifisso o un canto natalizio siano forieri di guerre o tensioni tra etnie. Deve semplicemente aiutare questi giovani del domani, che saranno tutti italiani, a una convivenza che non deve mettere da parte le radici cristiane della stragrande maggioranza di essi, senza naturalmente per questo impedire manifestazioni del pensiero religioso o di altro genere, a chiunque. Si chiama, semplicemente, educazione”.
Così un una nota Italia unica, il movimento guidato da Corrado Passera.

Comments

comments