#SIAMOCONTOSI: LA RISPOSTA AL DIKTAT DELLA LEGA NORD

0
76

Ancora scontri interni nella Lega Nord. Roberto Calderoli ha trasmesso una direttiva del Consiglio Federale che ha di fatto vietato la doppia tessera, ovvero quella della Lega Nord e di Ricostruiamo il Paese.

“Con decorrenza lunedì 9 marzo, l’iscrizione o l’adesione alla fondazione che fa capo a Tosi è incompatibile con la qualifica di socio ordinario militante della Lega Nord. Il Consiglio federale stabilisce che la Fondazione e/o associazione ‘Ricostruiamo il Paese’ altresì nota come ‘Il Faro’ o ‘I Fari’ ha natura politica e dunque, in base allo Statuto è incompatibile con l’iscrizione alla Lega”.

Intanto i sostenitori di Flavio Tosi e gli aderenti a “Ricostruiamo il Paese” hanno protestato nei confronti dell’arbitraria decisione presa dalla Segreteria Federale della Lega Nord. La modalità scelta è stata quella di mostrare la vicinanza al Sindaco di Verona con un’apposita immagine, inserita come foto profilo o con una condivisione dalle pagine che lo appoggiano politicamente, che recita “#siamocontosi”.

Le epurazioni e le espulsioni dal Carroccio non sono cosa nuova. Oltre a quanto successo durante il 2012, quando molti esponenti legati a Bossi vennero allontanati dalla Lega Nord, si ricorda anche quando nel 1994 Franco Rocchetta venne accusato, insieme alla ex consorte Marilena Marin e a Vittorio Aliprandi, di essere “un berlusconiano” e di voler ritardare il cammino federalista. Per Aliprandi, ad aggravarne la posizione, anche l’accusa di morosità: “non ha pagato la quota mensile”, si sentenziò subito dopo la pronuncia del Consiglio federale.

Michele Soliani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.