Tajani: “Mussolini ha fatto anche cose buone”. Parlamento UE: “Si dimetta”

Hanno suscitato scalpore le parole di Antonio Tajani su Benito Mussolini. Il Presidente del Parlamento europeo ha infatti dichiarato alla trasmissione radiofonica La Zanzara che, al netto delle leggi razziali e del delitto Matteotti, il Ventennio ha portato anche cose positive all’Italia.

Elly Schlein, eurodeputata di Possibile, ha protestato contro il Presidente: “L’Unione Europea è stata costruita su basi antifasciste, noi tutti ce lo ricordiamo bene. Ecco perché oggi siamo in tanti in piedi contro le dichiarazioni inaccettabili di Tajani su Mussolini“.

I gruppi parlamentari di estrema sinistra e dei verdi hanno chiesto le scuse ufficiali di Tajani o, in alternativa, le dimissioni. “Non è la prima volta che Tajani rilascia dichiarazioni che strizzano l’occhio all’estrema destra. Non è nemmeno la prima volta che abusa del suo ruolo di presidente del Parlamento europeo. Tajani non dovrebbe rappresentare un partito, ma l’intera Assemblea” dichiara Philippe Lambert, presidente del gruppo parlamentare dei verdi.

Ska Keller, Eurodeputata tedesca dei Verdi ha aggiunto altre critiche: “Le parole di Tajani sono indegne e inaccettabili. Ritiri i suoi commenti o si dimetta. Dovrebbe essere in prima linea per difendere i valori europei e il fascismo non è di certo uno di questi. Mussolini abolì la libertà di stampa e il diritto di sciopero, stabilì una dittatura e sciolse il Parlamento. Affermazioni del genere insultano la memoria degli italiani che hanno sofferto per colpa di Mussolini“.

Con imbarazzo sono arrivate rassicurazioni da parte della Commissione europea e soprattutto dal Partito Popolare Europeo. “Il PPE condanna senza alcuna riserva fascismo, nazismo, franchismo e comunismo. Tajani è un democratico sincero, lo è sempre stato e lo sarà sempre. Con noi condivide la condanna a tutti i totalitarismi” ha affermato l’eurodeputato Gonzales Pons.

Difatti sono arrivate in seguito anche le scuse dello stesso Tajani, attraverso una nota stampa. “Da convinto antifascista, mi scuso con chi si sia sentito offeso. Non volevo giustificare un regime antidemocratico, mi spiace che qualcuno possa pensare che io possa essere indulgente col fascismo, malgrado la mia storia personale e politica“. “Sono sempre stato convintamente antifascista – continua il forzista – e ho sempre ribadito che Mussolini e il fascismo sono stati la pagina più buia della storia italiana del secolo scorso“.

“Mi sono sempre battuto contro ogni forma di dittatura. L’Europa nasce dalla sconfitta del fascismo e deve essere l’argine più solido contro ogni genere di totalitarismo” ha concluso Tajani.