A VENEZIA LEGA NORD E FRATELLI D’ITALIA DI NUOVO INSIEME

0
34

Difendiamoci” è il titolo della manifestazione di FDI-AN,#renzivattene l’hastag creato per l’evento, si legge nelle magliette e in alcuni striscioni “La difesa è legittima sempre. DL’evento si è svolto a Venezia non solo in vista delle regionali, anche perché il Veneto è la patria delle piccole e medie imprese costrette a chiudere a causa delle politiche portate avanti dal governo Renzi, ed è una regione tradizionalmente leghista. La Lega Nord che sabato scorso ha ospitato sul palco di Piazza del Popolo Giorgia Meloni, ieri ha voluto sostenere l’iniziativa di FDI, si sono aggiunti anche Forza Italia, alcuni rappresentanti dei Forconi e diverse categorie sociali. Oltre a Giorgia Meloni e Ignazio La Russa erano presenti il leghista Massimiliano Fedriga, che ha portato i saluti del Segretario Federale della Lega Nord impegnato nella campagna elettorale in Liguria e l’ex deputato Cinque Stelle Walter Rizzetto e Barbara Santamartini ex dell’NCD.

Come la Lega Nord, anche FDI vuole sfrattare Renzi da Palazzo Chigi, perché il suo governo oltre alle promesse e agli slogan non ha conseguito alcun risultato concreto per il paese; non sono state fatte scelte di politica internazionale adeguate: si è preferito sanzionare la Russia anziché difendere i confini nazionali, nulla è stato fatto per controllare l’immigrazione, di conseguenza non è garantita la sicurezza dei cittadini. Il risultato delle politiche economiche del Governo Renzi è un’elevato tasso di disoccupazione, la pressione fiscale reale sfiora il 60% e le tasse sono insostenibili.

FDI ha voluto esprimere solidarietà e vicinanza a Graziano Stacchio, a tal proposito è stata organizzata una petizione popolare per il conferimento di una medaglia al valore civile al benzinaio di Nanto.

La manifestazione si è svolta esattamente una settimana dopo di quella della Lega Nord a Roma, per ribadire la necessità di sfiduciare quanto prima questo governo, c’è stato un corteo pacifico, che ha sfilato dalla stazione Santa Lucia fino a Campo San Geremia, oltre che dall’inno nazionale è stato animato anche da qualche slogan “ Stacchio ce l’ha insegnato, difendersi non è reato” e “Marò liberi!” Tante erano le bandiere e le delegazioni che hanno sfilato, perché tante sono le identità che caratterizzano il fronte anti-Renzi. I temi toccati in realtà non sono poi così diversi da quelli proposti da Matteo Salvini, questi due eventi danno l’immagine di un fronte anti-Renzi, profondamente diverso dal centro destra tradizionale, infatti rispetto al passato manca un’identità comune, anche se ci sono tante proposte e tanti obiettivi condivisi.

Matteo Salvini e Giorgia Meloni sono leader molto amati dagli italiani in questo particolare momento, i loro partiti sono in crescita e si sono ridotti di molto gli ostacoli per un’alleanza, dal momento che anche il segretario del Carroccio ha un progetto rivolto a tutto il paese. Entrambi hanno una visione critica sulle politiche di Bruxelles e sull’Euro, tuttavia meno chiara risulta la posizione di Forza Italia nei confronti del governo.

Le prossime elezioni amministrative e regionali saranno un banco di prova importante per capire se questo fronte appena creatosi può costituire una solida alternativa a Renzi.

Alice Quinto

Comments

comments