“Nessuna strada a Roma sarà dedicata a Giorgio Almirante”. E’ quanto ha deciso la sindaca Virginia Raggi, dopo aver sentito la sua stessa maggioranza che nella giornata di ieri aveva approvato la mozione di Fratelli d’Italia per l’intitolazione di una via a Giorgio Almirante.

La mozione di Fratelli d’Italia per l’intitolazione di una strada Giorgio Almirante era passata nella serata di giovedì in Assemblea capitolina con i ‘sì’ di Fratelli d’Italia, della lista “Con Giorgia” e con quelli del M5s. I voti favorevoli erano stati 23, due gli astenuti e un contrario (la consigliera pentastellata Maria Agnese Catini). Gli altri gruppi non erano presenti, il Pd in particolare non c’era perché i consiglieri erano usciti in protesta per l’assenza del Sindaco Raggi.

La Raggi era impegnata in un noto programma televisivo in cui aveva affermato a riguardo: “Se lo condivido? Se l’Aula ha votato favorevolmente è perché i consiglieri M5s si sono determinati in questo senso. Quindi assolutamente sì: se hanno votato – ha aggiunto Raggi – evidentemente vogliono intitolare una strada a questo personaggio. Prendo atto della volontà dell’aula, che è sovrana come il Parlamento”.

Poi nel corso della notte il dietrofront con i consiglieri del M5S che stamane prepareranno una mozione per vietare l’intitolazione di strade ad esponenti del fascismo o persone che si siano esposte con idee antisemite o razziali. Prima firmataria sarà proprio la Raggi.